Il gap dei tassi è l'oro degli speculatori

La Banca centrale cinese alza i tassi al 5,81%, mentre la Fed americana non sa più cosa fare per tenere bassi non solo quelli ufficiali (già ora a zero) ma anche quelli di mercato. La Banca centrale del Brasile ha fissato i tassi addirittura al 10,75%, mentre quella europea li tiene all'1%. Il problema è che queste differenze, causate dalla ripresa economica a marce alterne, sono la manna per gli speculatori: permettono infatti di prendere a prestito denari dove i tassi sono bassi e di re-investirli dove i tassi sono alti. Insomma: consentono agli speculatori di indebitarsi in Europa o in America per investire dove i ritorni sono più elevati. Per esempio nei paesi emergenti. Morale: più Cina e Brasile alzano i tassi, più la speculazione trova pane per i suoi denti. Questo giochetto, chiamato "carry trade", nel 2010 ha raggiunto dimensioni record. Ora è un po' in calo, perché i bilanci sono chiusi in vista della fine dell'anno, ma nel 2011 è destinato a riprendere. Ma i rischi non mancano: il «carry trade» è causa infatti del forte afflusso di capitali nei paesi emergenti (aumentati del 42% dal 2008 al 2010) e dei rincari sulle materie prime. I mercati, insomma, scherzano col fuoco: i guadagni (per pochi) di oggi possono diventare macigni (per molti) domani.
Il carry trade
Il giochetto è semplice: basta prendere in prestito soldi dove il denaro costa poco. Qualche anno fa bisognava andare in Giappone, mentre ora c'è letteralmente l'imbarazzo della scelta: Giappone, Usa e Gran Bretagna hanno tutti tassi intorno allo zero, mentre l'area euro è all'1%. Ultimamente gli investitori preferiscono indebitarsi in Europa, perché temono che – causa Irlanda e Portogallo – l'euro sia destinato a restare debole. I dati ufficiali, quelli elaborati dal Cftc, lo dimostrano: dato che indebitarsi in euro per comprare titoli in altre valute significa vendere la moneta unica europea, le posizioni "corte" (cioè in vendita) sull'euro sono aumentate tra novembre e dicembre. All'ultima rilevazione, quella del 17 dicembre, i contratti in vendita risultavano 10.304 più di quelli in acquisto per un controvalore di circa 1,3 miliardi. Ma fino a poco tempo fa facevano lo stesso sul dollaro o su altre valute.
Una volta presi in prestito, i denari vengono investiti dove si spera di guadagnare tanto. Le destinazioni sono dunque molteplici. Si parte dai paesi emergenti. La Cina – dove i tassi sono in rialzo da tempo – secondo le stime del Institute of International Finance ha attirato nel 2010 ben 158,9 miliardi di dollari di capitali privati: il 9,7% in più rispetto al 2008. I flussi su Borse e bond del Brasile sono addirittura quasi quadruplicati a 124 miliardi. E, in generale, i paesi emergenti hanno attirato 825 miliardi di dollari nel 2010: il 42% in più rispetto al 2008. I soldi vanno inoltre sulle materie prime. E, ovviamente, anche in borsa.
Le conseguenze
Ciò che oggi ingrassa i bilanci di banche e fondi, domani può però diventare un boomerang. I rischi del carry trade sono infatti tanti. Innanzitutto le banche e gli investitori, quando si indebitano a tassi bassi, lo fanno con un effetto leva elevato per aumentare i guadagni: questo significa che il giorno in cui i mercati dovessero girare, migliaia di investitori dovrebbero chiudere le loro speculazioni in fretta e furia per non moltiplicare le perdite. E questo avrebbe pesanti conseguenze sia sui bilanci bancari, sia sui paesi "oggetto" di carry trade. Per questo il presidente della Fed Ben Bernanke da mesi chiede alle banche di ridurre il carry trade.
Ma i rischi sono anche altri. I flussi di capitali nei paesi emergenti stanno creando problemi – in maniera diversa – alle loro economie. Per questo alcuni stati, tra cui proprio Cina e Brasile, hanno deciso di alzare le barriere sui capitali esteri in ingresso. In questo modo cercano di arginare la corsa degli investitori esteri, che – se eccessiva – può far salire le valute e creare squilibri economici. Si arriva così al paradosso di paesi, come la Cina, che da un lato alzano i tassi d'interesse e dall'altro devono cercare escamotage per frenare l'afflusso di capitali in entrata.
m.longo@ilsole24ore.com
© RIPRODUZIONE RISERVATA

La grande abbuffata del «carry trade»


DOVE CI SI INDEBITA...

I grafici mostrano le posizioni "lunghe" (in acquisto) e "corte" (in vendita) degli speculatori sulle principali valute. I dati sono calcolati dalla Commissione Usa Cftc, che misura proprio le posizioni in derivati degli speculatori (i cosiddetti «non commerciali»). Dai grafici si desume che, nelle ultime settimane, la speculazione è calata per via della chiusura dei bilanci. Le posizioni attualmente sono "corte" soprattutto sull'euro: questo significa che gli speculatori si stanno indebitando in euro, per investire altrove. Per questo sono "corti" (cioè in vendita): acquistando titoli in altre valute, di fatto vendono euro.


... E DOVE SI INVESTE

(*) Indice Sse B Share; (**) variazioni contro euro. I dati mostrano dove si stanno muovendo i capitali privati netti (quelli in entrata meno quelli in uscita). Per capitali privati si intendono gli acquisti di azioni, di obbligazioni o di altre attività finanziarie da parte di investitori esteri. Come si vede, i capitali in ingresso sono aumentati – rispetto al periodo pre-crisi – in Cina, Brasile, India e Thailandia. Ma aumenti consistenti si sono registrati anche in Malesia (+427%) ed Egitto (+63%). Questi flussi di capitali hanno causato un rialzo delle valute locali, delle Borse e dei bond. Nel grafico sopra è poco evidente perché sono stati presi i rialzi da inizio anno, ma se si considerassero le variazioni dai minimi e se si collegassero al fenomeno del carry trade il fenomeno diventerebbe più evidente.

28/12/2010