IL DESTINO DEL MAESTRO DI SPADA

IL DESTINO DEL MAESTRO DI SPADA

Pechino, 14 nov. - Il 16 novembre debutta in Italia la prima fiction importata dalla Cina. Sarà in cinese con sottotitoli in italiano. Inaugura la programmazione di Babel dedicata alla comunità cinese. China Files vi propone uno speciale sulle serie tv e il mondo della televisione in Cina.
L'annuale sessione del Comitato centrale del Partito comunista cinese quest'anno ha concluso la sua sessione plenaria promettendo di aumentare il ruan quanli,  il soft power, del paese e di rafforzare la "sicurezza culturale" prima della transizione alla nuova leadership attesa per il prossimo anno.

 

Oltre alla lingua la Cina vuole esportare anche gli altri prodotti culturali: il cinema, la televisione, le tecnologie e via dicendo. In un altro comunicato infatti si legge che se nel 2010 la cultura ha fruttato 1,1 miliardi di yuan, ovvero 173 miliardi di dollari (il 2,8 per cento del Pil nazionale), entro il 2016 dovrà fruttare il doppio.

 

Babel con Il destino del maestro di spada, una produzione televisiva ad alto budget prodotta dalla Cctv nel 2011, inaugura con perfetto tempismo la sua programmazione dedicata alla comunità cinese in Italia. Comprenderà cortometraggi, documentari e produzioni originali per aprire una finestra sulla cultura, le tradizioni televisive e le storie di una comunità significativa e in crescita.

 

In occasione della prima puntata China Files vi propone di esplorare il mondo della televisione e della fiction cinese.

 

Andrea Pira ha raccolto per noi le voci di alcuni esponenti della comunità cinese (questo articolo). Tra queste Hu Lanbo, scrittrice, giornalista e fondatrice nel 2001 della rivista bilingue Cina in Italia, lancia un interessante spunto di riflessione. Sarebbe stato meglio se la scelta fosse caduta su "una serie televisiva ambientata nella Cina contemporanea".

 

Ma allora quali sono le fiction cinesi? Ce lo racconta Edoardo Gagliardi (questo articolo). Di serie tv in Cina ce ne sono per tutti i gusti. Da quelle impegnate a raccontare le problematiche sociali dei tempi moderni a quelle ambientate in un lontano passato, a quelle che lavorano di fantasia sui viaggi nel tempo.

 

E la televisione di stato cinese ne ha prodotte sin dalle sue prime trasmissioni del 1958. La storia e palinsensti dei canali dell'emittente di Stato cinese negli ultimi cinquant'anni è anche utile per farsi un'idea di come ha lavorato la macchina dell'indottrinamento e della propaganda negli anni. Ne ripercorre tutti i passaggi Simone Pieranni (questo articolo)

 

A questo punto non potevamo non domandarci quale impatto avrà la "sicurezza culturale" professata dai leader della Repubblica popolare sulla televisione del futuro. Ancora è presto per dirlo, anche se c'è una grossa novità.

 

Il nuovo regolamento promulgato dalla State Administration of Radio, Film and Television (Sarft) e in vigore dal primo gennaio richiede a ogni canale televisivo di trasmettere almeno un programma sulla ideologia e la morale per promuovere la cultura tradizionale cinese e i "valori fondamentali del socialismo". Nel frattempo alcuni programmi di intrattenimento sono stati chiusi perché poco "educativi".

 

Emma Lupano esplora le reazioni di stampa e opinione pubblica su quest'ingerenza dello Stato sulla televisione pubblica (questo articolo).

 

Insomma, la prima puntata de Il destino del maestro di spada ci offre l'occasione per riflettere su televisione, Cina e comunità cinese.

 

a cura di China Files

 

Introduzione dello Speciale di China Files pubblicato il 14 novembre 2011 (China Files)

 

© Riproduzione riservata