Il crossover cinese aggiorna lo stile

All'inizio della commercializzazione, un paio d'anni or sono, il Great Walll Hover debuttò solo come autocarro a 4 posti, per esigenze di omologazione. Oggi, aggiungendo al nome la sigla 5, ad indicare i cinque posti, è finalmente disponibile in versione vettura a norme Euro 4, sia con trazione anteriore sia integrale inseribile. Per l'occasione questo crossover/suv cino-giapponese (molti dei suoi elementi sono di origine Mitsubishi) si è un guadagnato un ammodernamento stilistico oltre ad un aggiornamento tecnico e di contenuti.
Quale la sostanza di base? Si tratta di un veicolo che ricorda molto il Pajero Sport di qualche anno fa per il telaio a longheroni, il dimensionamento del corpo vettura e, soprattutto, il motore di 2.4 litri (2.378 cc), a benzina, con 126 cv e 200 Nm di coppia. Un motore non particolarmente potente, ma che sull'Hover 5 è congeniale all'utilizzo. Soprattutto nella versione Ecodual bi-fuel (benzina/Gpl), che tra l'altro fa risparmiare, inquina poco ed offre il vantaggio di poter circolare liberamente nelle giornate di blocco del traffico. Quali le novità? Tecnicamente l'intervento più im-portante ha interessato le sospensioni anteriori, sempre indipendenti ma non più a barre di torsione bensì con le più funzionali, confortevoli e stradali molle elicoidali, e lo sterzo servoassistito, decisamente migliorato. Stilisticamente è stato fatto un passo avanti sia dal punto di vista estetico che funzionale.Salto di qualità anche per gli interni, con dotazioni che poco hanno da invidiare a modelli ben più costosi.
È un crossover da famiglia che, nei modelli a 4 ruote motrici inseribili, affianca al cambio manuale a 5 marce un valido riduttore, per affrontare anche i percorsi fuoristrada più impegnativi. Di serie anche l'impianto frenante a 4 dischi con Abs ed Ebd e gli air bag anteriori. I prezzi? si parte da 20.505 euro della versione 2wd per arrivare a poco più di 23.601 euro per la 4wd più accessoriata.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

02/08/2010