IL CRESCENTE COSTO DEL LAVORO AIUTA L'ECONOMIA

Pechino, 8 mar. - L'aumento del costo del lavoro avvertitorecentemente nelle fabbriche cinesi e' tuttavia un elementopositivo per la ristrutturazione economica del Paese. Lo hadichiarato Yin Weimin, ministro delle Risorse umane e dellaPrevidenza sociale, il quale ha aggiunto che la Cina si trovadavanti a una complessa contraddizione dovuta da una parte allarichiesta di salari maggiori da parte dei lavoratorisottopagati e dall'altra dall'impossibilita' delle piccolefabbriche orientate all'export di far fronte ai costi crescentidi manodopera e materie prime. "Tuttavia l'aumento del costodel lavoro puo' spingere a una trasformazione del modello disviluppo economico, ha detto il ministro, mentre il problemadel salario potrebbe essere risolto attraverso maggioriconsultazioni tra datori di lavoro e dipendenti". Dopo decennidi boom economico grazie alla manodopera a basso costo eall'uso intensivo di energia, la Cina vuole rendere la propriaeconomia piu' dipendente dalla tecnologica e ha promessosolennemente di condividere con una maggiore fetta dipopolazione i benefici derivanti dalla crescita. Nel XII PianoQuinquennale (2011-2015), la Cina punta ad aumentare il redditodei residenti urbani e rurali almeno del 7% all'anno, la stessapercentuale che e' stata fissata come obiettivo per la crescitadel Pil; nei prossimi cinque anni, inoltre, anche il salariominimo annuale dovrebbe registrare un aumento non inferiore al13%. .