Il « check» sicurezza si farà dalla Cina

MILANO
L'Istituto italiano sicurezza giocattoli (Iiss) di Cabiate (Como) abilitato a rilasciare il bollino Giocattolo sicuro sta per aprire una sede anche a Shanghai.
L'annuncio è del presidente, Natale Consonni, nel bel mezzo di un seminario dedicato alla «marcatura CE nel quadro legislativo comunitario» organizzato da Camera di commercio ItaloCinese, Camera di Commercio di Milano e Innovhub e, in particolare, dedicato alla nuova direttiva giocattoli (dlgs 54/2011) in vigore dal prossimo 20 luglio.
«Le merci importate dovranno avere tutte le certificazioni in regola al momento dell'importazione - dice Consonni - i produttori, e la Cina è il principale luogo di produzione, dovranno essere in regola già quando affidano i giocattoli ai vettori. L'attività di certificazione e supporto in loco acquista importanza, abbiamo già una sede a Hong Kong, adesso sarà necessario serrare i ranghi e rafforzare i controlli a monte».
«L'incontro - conferma Alcide Luini, segretario generale della Camera di Commercio Italo Cinese – è il primo di una serie rivolta agli operatori cinesi dedicata alle direttive di armonizzazione CE sui requisiti di sicurezza di giocattoli, materiale elettrico e occhiali da sole. Una novità assoluta che funziona».
Con tremila ditte individuali attive nel 2011 (nel 2010 erano 2.300) e con una crescita del 62% sul 2002 (1.400), Milano è una piazza di cruciale importanza per l'imprenditoria cinese. L'attività principale è il commercio (43,2%), specie all'ingrosso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

05/06/2011