HK: Zhang, "un Paese, due sistemi" non cambierà

Di Eugenio Buzzetti

 

Pechino, 18 mag. - La Cina non rimetterà in discussione il principio "un Paese, due sistemi" che regola il rapporto con Hong Kong, ma il fenomeno del localismo non deve scadere nell'indipendentismo. E' il messaggio di Zhang Dejiang, presidente dell'Assemblea Nazionale del Popolo e massima carica per Hong Kong all'interno del Partito Comunista Cinese. Zhang, numero tre della gerarchia politica di Pechino, è giunto ieri sull'isola per la prima visita di un alto esponente del Partito Comunista Cinese dalle proteste di Occupy Central di fine 2014, e ha parlato del rapporto tra Pechino e Hong Kong durante un banchetto tenuto in suo onore.

Il suo arrivo era stato preceduto da molte contestazioni e da un rafforzamento delle misure di sicurezza per evitare incidenti con i manifestanti. Il principio "un Paese, due sistemi" ha ricevuto "riconoscimento internazionale", ha spiegato Zhang, e "merita orgoglio e protezione". Il fenomeno del localismo che si sta imponendo da alcuni mesi a Hong Kong, è animato da una "estremamente piccola minoranza" che "rifiuta il Paese, il governo centrale e propone l'indipendenza di Hong Kong". Questo approccio, ha poi affermato "non è un problema di localismo, ma un problema di usare il nome del localismo per separare il Paese".

A febbraio scorso, nella notte di capodanno alcuni di questi gruppi hanno animato forti proteste nel quartiere di Mong Kok, contro le forze dell'ordine, che sono durate tutta la notte, provocando più di 130 feriti. Le rivolte, diventate famose come "fishball revolution", erano scoppiate dopo un il divieto agli ambulanti senza licenza di vendere all'aperto specialità caratteristiche di Hong Kong. Zhang era arrivato sull'isola per partecipare a un forum economico sulla "One Belt One Road". Nel corso del meeting, Zhang ha sottolineato il ruolo chiave della regione amministrativa speciale cinese nell'iniziativa lanciata dal presidente cinese, Xi Jinping, di sviluppo infrastrutturale dei Paesi che si stendono lungo l'antica via della seta.

 

18 MAGGIO 2016



@Riproduzione riservata