GIRO DI VITE SUI SITI PORNOGRAFICI

Pechino, 15 lug. - L'organo di supervisione della stampa cineseha chiesto a 122 siti web di cessare di offrire servizi dilettura e download di narrativa dai contenuti osceni opornografici. Un funzionario della General Administration ofPress and Publication (GAPP) ha anche fatto sapere che i sitiche non si atterranno a questa richiesta - tra i quali nefigurano alcuni particolarmente cliccati per la letteratura webcome xiaoshuo.com, b.faloo.com e junzitang.com - verrannochiusi. Questa nuova disposizione rientra nelle misureintraprese a livello nazionale contro la pornografia. Daldicembre dello scorso anno, la GAPP sta infatti periodicamenterendendo note alcune liste di siti web che offrono contenutipornografici. Tra i fatti di cronaca piu' recenti, l'arresto di62 persone a inizio luglio accusate di gestire un sito pornoregistrato a Nanchino. Mentre il presunto capobanda e' statointercettato a Pechino, la polizia cinese ha condottoun'operazione supplementare che ha portato al fermo degli altrisospettati, principalmente amministratori e moderatori delforum online, in 20 diverse provincie e regioni. .