Fiat torna in Cina: dal 2011 produrrà la Linea

Laura Galvagni
MILANO
Dopo lo stop agli impianti di due anni fa, Fiat torna a produrre auto in Cina. Lo farà a partire dal 2011 grazie a un accordo di ampio respiro siglato con il costruttore cinese Gac. L'alleanza arriva alla fine di un percorso tortuoso per il gruppo automobilistico che prima ha dovuto archiviare con scarso profitto la collaborazione con Nac, fruttuosa invece sul fronte Iveco, e poi ha visto sfumare il memorandum d'intesa siglato con Chery. Ora il passaggio chiave. Ieri, in occasione del forum Italia-Cina, il gruppo ha annunciato otto accordi con Shanghai per un controvalore complessivo di 550-560 milioni di euro. Un pacchetto all'interno del quale spicca l'intesa siglata con Gac per la produzione di autovetture e motori tramite una joint venture paritetica.
L'accordo quadro è stato sottoscritto da Zhang Fangyou, presidente di Gac, e da Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat e star dell'anno per Automotive News. L'intesa comporterà la realizzazione di un nuovo stabilimento che richiederà un investimento complessivo di oltre 400 milioni. Nella prima fase di sviluppo, la joint venture disporrà di una capacità installata di 140mila autovetture e 220mila motori all'anno. Successivamente, sarà possibile incrementare la capacità del sito fino a 250mila vetture e 300mila motori. L'obiettivo, allo stato, è mettere in produzione la Linea e i motori Fire 1.4 T-Jet da 120 e 150 cavalli. Secondo alcune indiscrezioni non è escluso che Torino metta poi in assemblaggio anche la Punto e la Brava. Di certo l'intenzione è quella di sfruttare il più possibile le potenzialità del mercato cinese che, stando ad alcune stime, nel primo semestre dell'anno ha superato gli Stati Uniti. Piazza, quest'ultima, sulla quale si sta comunque posizionando Fiat, dove, grazie all'operazione Chrysler, come ribadito ieri dal vice-presidente John Elkann, approderà con la produzione della 500 a partire dalla fine del 2010.
Intanto, occhi puntati sulla Cina che «è una grossa occasione», come ha sottolineato Elkann ma che è anche già motivo di «grande soddisfazione», per il presidente Montezemolo. Pensiero condiviso in pieno dal presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, che si è detta orgogliosa «dell'azione internazionale di Fiat», e dal ministro per lo Sviluppo economico, Claudio Scajola: «È una cosa molto significativa nel quadro di espansione globale» del gruppo torinese che già oggi è il principale costruttore straniero in Cina nei veicoli commerciali. Forte del fatto che è presente nel paese con 14 società totalmente controllate e nove joint venture. Attività che hanno generato un fatturato di quasi 2,4 miliardi di dollari e a cui presto si sommerà il contributo dei nuovi accordi. Oltre a quella con Gac, Fiat ha siglato infatti altre sette intese del valore complessivo di 150-160 milioni.
Nel dettaglio, Fiat Powertrain ha firmato un accordo per la fornitura di motori per pickup, suv e minivan, oltre a una licenza per la tecnologia del motore F1C Euro4. Ferrari e Maserati hanno chiuso invece un accordo per l'acquisto di automobili dei rispettivi marchi e di parti e di accessori per i propri prodotti. Cnh con Harbin New Holland ha stretto un accordo per l'esportazione in Cina di macchinari per frutteti e vigneti e Fiat un patto con China Auto Caiec per l'esportazione di alcune vetture del brand.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

AUTO E STABILIMENTI



pIl primo modello introdotto sul mercato cinese in base all'accordo quadro tra Gruppo Fiat e Gac sarà la "Linea" (foto). L'intesa potrebbe estendersi alla produzione di Punto e Brava. Prevista la costruzione di uno stabilimento da 700mila metri quadri e un investimento di 400 milioni di euro. L'avvio è previsto per la seconda metà del 2011
pAltri sette accordi (valore complessivo 160 milioni di euro) coprono tutto il business del gruppo Fiat, da Powertrain a Ferrari e Maserati fino a Cnh

LE PARTNERSHIP



Eicma S.p.a
Joint-venture con la China Chambers of Commerce for Motorcycle e la Genertec International Advertising&Exhibition Ltd: 420 milioni di dollari per l'organizzazione di un salone internazionale della moto a Canton a partire dal 2010
Unindustria Bologna, Assolombarda
Cooperazione commerciale, tecnologia e industriale con lo Shanghai Caohejing Hi-Tech Park
Mediobanca
Rafforzamento dei rapporti bilaterali con la China Development Bank per favorire investimenti industriali
Marazzi Group
Accordo con la Sinocome Group: 30 milioni per la ricerca nel campo delle energie rinnovabili e la produzione di piastrelle e lastre solari
Ericsson
Contratti di fornitura della banda larga fissa agli operatori China Mobile, China Unicom e China Telecom, per la rete di alcune province cinesi
Alessi S.p.a.
140 milioni di dollari per consulenza tecnologica e produzione di oggetti di design
Vpa - S.r.l.
Gioielli di lusso per un valore di 140 milioni di dollari in cinque anni
Gruppo Manfrin
140 milioni di euro in cinque anni per la creazione di accessori in pelle
Gruppo Getra
Joint-venture da 49 milioni di dollari con il Gruppo Baosheng per la produzione di trasformatori
Ansaldo Breda
Partnership da 42 milioni di dollari per componenti elettrici ed elettronici dei veicoli metropolitani

07/07/2009