EXPO: PARLAMENTARI A PISAPIA, SHANGAI PUO' COLLABORARE DOPO EVENTO

(AGI) - Milano, 12 lug. - Shangai e' pronta a collaborare conMilano sullo studio della riconversione dell'area Expo a fineevento, mettendo a disposizione le esperienze maturate in Cina,dove la riqualificazione punta a sviluppare funzioni pubblichestrettamente legate al tema dell'esposizione. E' questo ilcontenuto di una lettera inviata al sindaco di Milano GiulianoPisapia, all'assessore all'Expo Stefano Boeri eall'amministratore delagato della societa' di gestione GiuseppeSala, da una delegazione della 'Associazione parlamentare diamicizia Italia-Cina' di ritorno da Shangai. La delegazionebipartisan ha incontrato la societa' Expo 2010 Shangai,recentemente trasformata da ente organizzatore dell'evento'Better cities, better life' a gestore di sviluppo dell'area, eha potuto visionare il masterplan di riconversione del sito. Ilpadiglione italiano sara' una vetrina delle eccellenze delBelpaese con esposizioni permanenti di arte, moda e design,ospitera' il museo della Ferrari, ristoranti come il Cipriani,corsi di design dell'Istituto milanese Marangoni, e ogni annovi si terra' un forum di interscambio Italo-Cina. "Riteniamoche il lavoro in corso a Shanghai sul dopo Expo costituiscaindubbiamente un esempio di 'best practice' sullavalorizzazione delle aree successiva all'evento, un esempio acui Milano puo' guardare con interesse - scrivono iparlamentari nella lettera -. Finora il dibattito sullariconversione del post 2015 si e' ovviamente concentratosull'indice di edificabilita' - ha chiosato Vinicio Peluffo,l'esponente Pd in commissione Attivita' produttive delladelegazione -, ma seppur importante questa variabile non e' diper se' garanzia automatica di salvaguardia dell'interessepubblico. Proviamo invece a pensare a cosa realizzare su quellearee, e immaginiamo un'importante funzione pubblica per tuttala citta'. In Cina la scelta vincente e' stata sviluppare ledestinazioni successive partendo dalla valorizzazione delpresente coerentemente al tema scelto per l'Expo. Ad esempio,padiglioni tematici, sulle energie rinnovabili e sulleapplicazioni di tecnologie energeticamente sostenibili nellepolitiche di sviluppo urbano, sono stati trasformati inincubatori d'impresa per aziende del settore". (AGI)