ESODO DI MILIARDARI CINESI ENTRO 5 ANNI

di Sonia Montrella
Twitter@SoniaMontrella

 

Roma, 15 set.- Da qui a cinque anni la Cina vedrà un'emorragia di ricchi: oltre la metà  dei Paperoni cinesi, infatti, ha intenzione di lasciare il Gigante asiatico. Tra le mete più ambite, Hong Kong, principalmente,  e poi il Canada. Lo rivela uno studio di Barcays secondo cui i miliardari cinesi sostengono di voler fuggire  soprattutto per offrire ai propri figli migliori opportunità per quanto riguarda studio e lavoro. Seguono un ambiente economico più favorevole e un'assistenza sociale e sanitaria di più alto livello.

La notizia non è nuova in realtà e lo studio conferma un trend già in atto da qualche anno e che vede non solo superricchi con la valigia in mano, ma anche le classi agiate. Secondo l'International Migration Report (2012), stilato dal Centre for China and Globalisation (CCG) e dalla scuola di Legge del Beijing Institute of Technology, l'anno precedente oltre 150mila persone  avevano lasciato la Cina per lasciarsi alle spalle inquinamento ambientale e corruzione politica. Di queste 87mila erano migrate negli Stati Uniti, 30mila in Canada e altrettante in Australia, 6mila in Nuova Zelanda.

"Le classi agiate e ben istruite sono diventate le protagoniste dell'esodo di massa. La percentuale di immigranti appartenenti a questo gruppo sale sempre di più" si leggeva nel rapporto. Circa 6.000 cinesi sono oggi cittadini permanenti statunitensi, canadesi o australiani grazie ai massicci investimenti fatti nei Paesi, una corsia preferenziale per l'ottenimento del permesso.

 


15 settembre 2014

 


@ Riproduzione riservata