ENERGIA, COPERTURA COMPLETA PER IL TIBET ENTRO 2015

Lhasa, 26 gen.- E'stato avviato un imponente progetto, il cuitermine e' previsto per il 2015, che ha come obiettivol'estensione della copertura elettrica a tutta la regioneattraverso la costruzione di impianti idroelettrici, eolici,centrali di energia solare e sottostazioni. L'utilizzo di nuovefonti energetiche quali l'acqua, il gas e il petrolio,permetteranno l'introduzione di un sistema di diffusionedell'energia stabile, sicuro e non dannoso per l'ambiente. E'quanto e' stato proposto alcuni giorni fa per il Dodicesimopiano quinquennale (2011-2015) durante la quarta sessione dellaIX Assemblea popolare del Tibet. Il problema principale dellaregione e' rappresentato da una distribuzione irregolare dellefonti energetiche; sebbene infatti il Tibet sia molto ricco dirisorse idriche e solari, scarseggia invece di petrolio, gas ecarbone. Nei prossimi cinque anni, pertanto, l'obiettivo e' quellodi riuscire a soddisfare la domanda delle aree piu' arretrateraggiungendo i 260 milioni di kilowatt incrementando losfruttamento dell'energia idrica. Allo stesso tempo sicerchera' per prima cosa di dare un impulso maggiore allosviluppo dell'energia solare attraverso istituzioni nazionalidi ricerca e attraverso la progettazione di generatori estazioni elettriche in grado di produrre 16 milioni dikilowatt. In secondo luogo si promuovera' l'utilizzo di nuovefonti rinnovabili quali l'energia geotermica, eolica e lebiomasse. Il piano quinquennale prevede inoltre di portareavanti la costruzione della rete elettrica, da una partepuntando alla realizzazione del progetto della reteQinghai-Tibet attraverso il collegamento col resto del Paese,dall'altra ampliando e migliorando la rete regionale conparticolare attenzione alle zone rurali. Una piu' efficientedistribuzione della corrente elettrica e un innalzamento dellivello della tensione forniranno cosi' un servizio piu' sicuroed efficiente. .