DOMANDE & RISPOSTE

Perché la Cina ha alzato i tassi di interesse?
-------------

Il governo di Pechino è preoccupato dal surriscaldamento dell'economia e cerca di evitare pericolose bolle speculative. Con l'inflazione fotografata dalle statistiche ufficiali oltre il 3,5%, e quindi i massimi da 22 mesi, i tassi d'interesse reali sono ormai negativi. Domani saranno resi noti i dati sulla crescita del Pil nel terzo trimestre e il governo si aspetta un passo ancora troppo sostenuto (con pressioni al rialzo sui prezzi), nonostante gli interventi varati negli ultimi mesi per raffreddare il sistema economico. Finora, però, Pechino si era sempre rifiutata di alzare i tassi. La mossa può anche essere interpretata come un gesto distensivo in vista del G-20.



Perché il dollaro ha reagito apprezzandosi?
-------------

La decisione della Banca centrale cinese ha sorpreso i mercati: è il primo rialzo dei tassi dal 2007. La mossa rende evidente la preoccupazione delle autorità cinesi e si riflette sui mercati innescando vendite sugli investimenti considerati più rischiosi e una ricomposizione più prudenziale dei portafogli. L'effetto è stato un rimbalzo del dollaro a scapito delle monete legate alla crescita economica globale (compreso lo stesso yuan), come il dollaro australiano e quello canadese. Sono scese anche le quotazioni del petrolio e delle materie prime: la Cina è il maggior consumatore al mondo, un suo rallentamento farà scendere la domanda.

20/10/2010