D:Quali sono le procedure per l'esportazione di prodotti italiani in Cina?

R:L'iter per l'esportazione di prodotti italiani in Cina comprende i seguenti passaggi:

 

   1. Ricerca di un importatore / distributore cinese o creazione di una societa' di trading (importazione e distribuzione) in Cina

      
   2. Emissione del primo ordine da parte dell'importatore / distributore cinese

      
   3. Presentazione dei documenti di spedizione da parte del produttore italiano all'importatore cinese

      
   4. Processo di approvazione e registrazione delle etichette, effettuato dall'importatore

      
   5. Sdoganamento della merce in Cina da parte dell'importatore cinese

      

Per tutti i prodotti alimentari e' necessario ottenere l'approvazione e registrazione delle etichette (di obbligo in lingua cinese) presso l'AQSIQ (General Administration of Quality Supervision, Inspection and Quarantine of the People's Republic of China). Le procedure vengono generalmente avviate dall'importatore cinese. I documenti richiesti sono i seguenti:

 

    * Certificato di produzione, copia od originale. Necessaria la traduzione in lingua cinese

      
    * Business Licence del Produttore italiano. Si tratta del documento che attesta l'apertura dell'attivita'. Viene rilasciato dalla Camera di Commercio locale. Necessaria la traduzione in lingua cinese

      
    * Certificato di Origine. Si tratta di un documento che viene rilasciato dalla Camera di Commercio locale italiana, la quale deve certificare che i prodotti sono made in Italy. Necessaria la traduzione in lingua cinese.

      
    * Certificato di Registrazione (i.e. documento provante che il marchio della societa' italiana e' stato registrato presso ufficio governativo italiano)

      
    * Flowchart del processo di lavorazione. Questo documento deve mostrare la procedura di produzione per ogni singolo prodotto

      
    * Ulteriori certificati sanitari del prodotto, se necessari e richiesti

      
    * Campionature del prodotto per testing

      
    * Cromo-fotografia/ scanzione delle etichette (10 copie in formato A4)

      

Inoltre, le etichette sul prodotto cinese dovranno obbligatoriamente contenere le seguenti informazioni, che il produttore dovra' prontamente fornire all'importatore/ distributore:

 

    * marchio;

      
    * nome della referenza: dovra' essere usato il nome comunemente adottato per il prodotto in questione e rispettati tutti gli standard (es. Prodotto DOC); non sono ammessi nuovi nomi per prodotti gia' esistenti;

      
    * elenco degli ingredienti: tutti gli ingredienti presenti in quantita' superiori al 2% dovranno essere indicati in ordine decrescente; nel caso di composti, se presenti in quantita' superiore al 25% del prodotto, dovranno essere indicati fra parentesi anche gli ingredienti che costituiscono il composto. Dolcificanti, coloranti e conservanti dovranno essere indicati con il loro nome specifico;

      
    * peso netto;

      
    * nome ed indirizzo del produttore: il nome e l'indirizzo a riferimento dovranno essere quelli di un'entita' giuridica responsabile per la produzione, il confezionamento e/o la distribuzione; non sono valide caselle postali;

      
    * data di produzione e data di scadenza;

      
    * paese di origine.

      

Tutti i testi dovranno essere tradotti e presentati in lingua cinese

 

 
A partire dal 1 Aprile 2006, le pratiche per l'esportazione dei prodotti del settore Food&Beverage in Cina sono state maggiormente semplificate. In particolare, non e' piu' necessaria la verifica preliminare della conformita' dell'etichetta e del prodotto. In precedenza, infatti, l'approvazione delle etichette avveniva sulla base di campionature preparate e mandate appositamente. Tale processo aveva una durata di circa 3 mesi. La verifica avviene ora contemporaneamente ai test sulla qualita'/ quarantena presso le autorita' competenti direttamente alla dogana cinese

 

 
Per lo sdoganamento della merce, l'importatore dovra' altresi' presentare alla dogana i seguenti documenti:

 

    * Contratto di vendita tra esportatore e importatore

      
    * Licenze di import & export

      
    * Bill of lading

      
    * Fattura (3 copie)

      
    * Packing list (3 copie)

      
    * Certificato di origine

      
    * Certificato di igiene

Al fine di velocizzare e semplificare le procedure di esportazione e' possibile per gli esportatori italiani affidare le pratiche di esportazione (registrazione dell'etichetta compresa) al proprio partner/ distributore cinese o ad un'agenzia di servizi che si occupera' di far tradurre i documenti in lingua cinese prima di presentarli agli uffici governativi di competenza (pratiche o documenti in lingua inglese non vengono accettati). Solitamente ci si affida ad un intermediario per questioni di lingua e di presenza in loco.

 

 
Il governo cinese non fornisce ad oggi incentivi per la commercializzazione dei vini stranieri in Cina.