D.: Chiedo cortesemente se in caso di importazioni di beni in Cina da parte di una societa' cinese l'iva pagata in dogana possa essere detratta da quanto dovuto dalla medesima società cinese

R.: L'imposta sul valore aggiunto e' il tributo più rilevante tra le imposte cinesi sul volume d'affari (Value Added Tax, Business Tax, Consumption Tax). 

La VAT e' stata introdotta in Cina dalle Provisional Regulations of the PRC on Value-added Tax e dai relativi regolamenti attuativi nel 1993. Tali norme sono state più volte emendate fino alla recente riforma, in vigore dal 1 gennaio 2009. Con riguardo all'ambito di applicazione, la VAT colpisce le cessioni di beni effettuate nel territorio della Repubblica popolare cinese (RPC), le importazioni di beni e la prestazione di determinate tipologie di servizi. Le attività di processing, riparazione o sostituzione sono soggette a VAT mentre le altre prestazioni di servizi sono generalmente soggette a Business Tax al 5% (art. 1, Interim Regulations of the PRC on Value-added Tax - IRVAT).

L'aliquota d'imposta generalmente applicata e' il 17% (art. 2, comma 1, IRVAT), mentre l'aliquota ridotta del 13% (art. 2, comma 2, IRVAT) si applica solo a limitati beni (grano, oli vegetali, acque e acque potabili, prodotti alimentari, varie categorie di gas, quotidiani, periodici e libri, fertilizzanti, macchine agricole, ecc.). Sono inoltre esenti da VAT limitate categorie di merci agricole e prodotti farmaceutici, mentre non sono soggette le esportazioni (tranne per i beni "scoraggiati").

Con riferimento ai soggetti passivi d'imposta, questi si differenziano in small-scale taxpayers e general taxpayers, distinti in base al volume d'affari e al sistema di gestione contabile adottato.

Gli small-scale taxpayers, contribuenti di piccole dimensioni, hanno fatturati annui inferiori a CNY 500.000 (per le società produttive) o a CNY 800.000 (per le società commerciali), emettono fatture di vendita con un'aliquota ridotta (3%), ma non possono detrarre la VAT sugli acquisti.

I general taxpayers, invece, sono soggetti passivi con fatturati annui eccedenti i limiti sopra menzionati e possono detrarre la VAT a credito sugli acquisti dall'imposta a debito sulle vendite (in sede di liquidazione periodica). Tali soggetti possono detrarre la VAT pagata in dogana per l'importazione di beni.