CRESCE L'EXPORT DI RISO CINA-RUSSIA

Hohhot, 4 giu. - Crescono le esportazioni di riso da Manzhouli- il piu' grande porto di entrata via terra della Cina, situatoin Mongolia Interna - verso la Russia: nel 2010, fino al mesedi maggio, l'export ha raggiunto le 2940 tonnellate. Per piu'di due anni, dallo stop alle importazioni di riso imposto dallaRussia nel dicembre 2006 alla riapertura del porto ferroviariodi Manzhouli per l'export di riso nell'ottobre 2009, non eranostate piu' registrate esportazioni di questo prodotto. Durantequesto lasso di tempo, i dipartimenti responsabili deicontrolli di qualita' dei due paesi hanno portato avanti delleconsultazioni, fino a quando hanno raggiunto un consenso sulproblema della quarantena e dell'ispezione del riso cineseesportato in Russia. Attualmente, tutte le imprese che stannoesportando il riso sono trading company della provincia delloHeilongjiang, la maggior parte delle quali e' in una fase disperimentazione e si sta facendo strada sul mercato russo delriso in previsione di un maggiore volume di esportazioni. Almomento, inoltre, il riso esportato da Manzhouli provieneprincipalmente dalle provincie occidentali dello Heilongjiang edel Jilin. Manzhouli e' il piu' grande porto d'entrata dellaCina, e si occupa principalmente dell'import-exportCina-Russia: nel 2009 la quantita' di merci scambiate hasegnato il nuovo record di oltre 24 mln di tonnellate, per unvolume totale di scambi che ha superato i 54 miliardi di euro. -