COLLISIONE METROPOLITANA DI SHANGHAI, 260 FERITI

COLLISIONE METROPOLITANA DI SHANGHAI, 260 FERITI

Shanghai, 27 set. – Un incidente nella metropolitana di Shanghai ha causato il ferimento di oltre 260 passeggeri, tra cui almeno due stranieri (aggiornamento delle 13 ora italiana). La maggior parte è di lieve entità, per lo più contusioni e fratture, e una ventina hanno subito lesioni gravi cadendo a terra nell'impatto. L'incidente è avvenuto alle 14:51 ora locale; secondo le prime ricostruzioni a causaelo di un'avaria al sistema di segnalazione avvenuto circa quaranta minuti prima alla stazione di Xintiandi della linea 10. Secondo la società che gestisce l'impianto, i treni hanno ricevuto le indicazioni dal personale addetto per via telefonica e procedevano a velocità ridotta. Uno dei due treni è stato fermo 30 minuti alla stazione di Laoximen prima che avvenisse la collisione.

 

Immagini drammatiche postate su Weibo (il sito di microblog utilizzato nel gigante asiatico) mostrano passeggeri sanguinanti, alcuni a terra apparentemente privi di coscienza e altri feriti alla testa, e vigili del fuoco che entrano nelle carrozze per soccorrere i feriti. La polizia è stata inviata sul luogo dell'incidente per evacuare circa 500 passeggeri e ha transennato le strade intorno alla stazione; le linee 9 e 10 sono state chiuse. Le autorità locali stanno investigando sulle cause dell'incidente. La società che gestisce la metropolitana di Shanghai aveva pubblicato un comunicato di scuse su Weibo che è stato però immediatamente cancellato.
L'episodio segue un periodo nero per i treni del Dragone; il pestaggio viene infatti dopo il terribile incidente tra due treni ad alta velocità, a Wenzhou, e la cacciata dell'ex ministro delle ferrovie, Liu Zhijun, per la presunta riscossione di tangenti per un valore di 800 milioni di yuan (circa 93 milioni di euro) su contratti legati all'alta velocità cinese.

 

Alcuni media cinesi hanno riferito che il sistema di segnalazione della metropolitana di Shanghai è stato prodotto dalla stessa società implicata nell'incidente di Wenzhou. Nel 2005, Zhu Xiaojie, allora direttore delle operazioni di sicurezza per la metropolitana di Shanghai, aveva affermato che l'ipotesi di un tamponamento tra treni era da considerarsi impossibile per via dell'utilizzo del sistema ATC (Automatic Train Control), che combina una insieme di tecnologie assicurando un intervallo di marcia sicuro in grado di prevenire qualsiasi tipo di incidente. Shanghai ha aperto la sua prima linea metropolitana nel 1995, e la sua rete copre attualmente più di 420 km trasportando quasi 5 milioni di passeggeri al giorno.

 

di Costanza Boriani

 

ARTICOLI CORRELATI

Treni, Wen Jiabao rassicura la Cina

Corruzione, ministro ferrovie alla sbarra

 

©Riproduzione riservata