Cina: sofferenze bancarie in calo

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 17 mar - Le cifre (ufficiali) per ora smentiscono i timori si un'accresciuta esposizione delle banche cinesi alla speculazione immobiliare e al rischio creditizio. Secondo l'Authority di supervisione del mondo bancario (CBRC) le sofferenze creditizie (non performing loans) delle grandi banche commerciali del Paese ammontano a 364,6 miliardi di yuan 55,5 miliardi di dollari corrispondenti all'1,5% degli attivi bancari. Liu Minkiang, presidente di CBRC ha sottolineato l'impressionante svolta compiuta negli ultimi 9 anni. Alla fine del 2002, prima che il Governo cinese procedesse al definitivo risanamento del settore creditizio, congelando le sofferenze accumulate nel passato in appositi 'veicoli' finanziari, le sofferenze delle banche ammontavano a 2.238 miliardi di yuan (23,6% degli attivi) su un patrimonio complessivo pari a circa un terzo di quello attuale.