Cina: sigla 38 accordi con aziende italiane per 2mld Usd

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino - La missione degli imprenditori cinesi in Italia si e' conclusa con la stipula di 38 accordi per un valore complessivo di 2 miliardi di dollari. I dati sono stati illustrati dal viceministro allo Sviluppo economico, Adolfo Urso, e dal vice ministro al commercio cinese, Gao. La Fiat e' il gruppo piu' attivo per numero e valore degli accordi. Oltre alla joint venture per 400 milioni di dollari siglata stamane con Gac il gruppo torinese ha stretto intese per altri 225 milioni di dollari. Il marchio Fiat sara' esportato in Cina, Ferrari e Maserati hanno stretto affari con Pechino per l'esportazione di auto e componenti. Gli accordi interessano anche Fiat Powertrain e Cnh Italia (macchinari agricoli).
A siglare intese anche altre aziende italiane di primo piano. Ansaldo Breda (gruppo Finmeccanica) ha stretto una partnership per un valore di 42 milioni di dollari per la commercializzazione sul mercato cinese di componenti di veicoli metropolitani.
Tra gli accordi piu' rilevanti c'e' poi quello del gruppo Manfrin, 140 milioni di euro in cinque anni per la creazione di accessori in pelle. Un altro accordo riguarda la Vpa attiva nel settore della gioielleria di lusso che ha stipulato un accordo del valore di 140 milioni di dollari in cinque anni.