Cina: siccita' record, rischio danni raccolto agricolo

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 01 feb - La siccita' che colpisce di questo inverno il Nord della Cina, la peggiore da sessanta anni, ha ancora un impatto limitato, ma potrebbe avere gravi conseguenze economiche, se l'acqua non arrivera' fino a marzo. Con 120 giorni senza precipitazioni significative in alcune regioni piu' di cinque milioni di ettari di coltivazioni sono a corto di acqua, ha riferito l'Ufficio nazionale per la prevenzione delle inondazioni e della siccita'. Questa situazione sta gia' causando penuria d'acqua per piu' di 2,5 milioni di persone, principalmente nello Shandong e l'Henan, due province con circa 95 milioni di abitanti ciascuna. Secondo i servizi meteorologici, scarse precipitazioni sono previste per febbraio e marzo nelle regioni settentrionali e nei bacini del Fiume Giallo e Huai che segna il confine tra il La Cina del riso al sud e la Cina del frumento nel Nord. Nella citta' di Rizhao (Shandong), il cui nome significa "sole", la siccita', che dura dall'11 settembre, e' la piu' lunga in 300 anni, lo ha riferito il quotidiano locale Rizhao Ribao. A Pechino sono 99 giorni che non cade la pioggia, mentre la neve non e' proprio arrivata, una situazione che non si ripeteva dal 1951. Per ora, le conseguenze economiche sono limitate, perche' "la Cina ha grandi riserve di grano e riso", ha detto Ma Wenfeng, analista presso la societa' di consulenza specializzata di Pechino Agribusiness Oriente. Queste scorte sono il risultato della crescita in questi ultimi anni, sia in Cina che nel mercato globale, che ha incoraggiato i contadini a coltivare grano. Tuttavia, "l'impatto psicologico e' molto importante perche' l'inflazione e' elevata," ha detto Ren Xianfang, economista della Ihs Global Insight. L'aumento dei prezzi nel mese di novembre e' stato del 5,1%, ma i prezzi del grano sono lievitati del 14,7% nello stesso periodo. Ma "e' ancora troppo presto" per dire se la siccita' avra' un impatto significativo sulle colture", aggiunge. Secondo Ma, "la siccita' dovrebbe comportare una diminuzione di 1,7 milioni di tonnellate di produzione di grano invernale, appena il 2% della produzione totale della Cina". "Ma se dovesse continuare fino a marzo o aprile, la produzione di grano potrebbero essere gravemente colpita, con perdite superioria 10 milioni di tonnellate", dice l'analista. La Cina sarebbe quindi costretta ad aumentare le sue importazioni. Sul mercato mondiale, gli esportatori di grano come Stati Uniti, Russia e Francia seguono da vicino le previsioni del tempo in Cina, ma anche in India, "dove le zone colpite dalla siccita' sono molto piu' importanti", osserva Ma: i due paesi sono entrambi sia il piu' grande produttore e che il piu' grande consumatore di frumento nel mondo. "Se il calo della produzione avverra' in entrambi i paesi allo stesso tempo, l'impatto sui prezzi sara' sostanziale", avverte. Domenica, il ministro cinese delle Risorse Idriche Chen Lei ha affermato che due terzi dei cinesi soffrono di mancanza di acqua nelle citta', mentre le risorse idriche del paese raggiungono solo il 28% della media mondiale pro capite. Il governo ha stanziato 2,2 miliardi di yuan (243 milioni di euro) in aiuti immediati e ha deciso di investire 4.000 miliardi di yuan (442 miliardi di euro) fino al 2020 per migliorare la conservazione e la distribuzione di acqua. "Con l'urbanizzazione prevista per i prossimi cinque anni,la carenza e' destinata a peggiorare", ha detto Ren.