Cina: « Sarkozy non vedrà più il Dalai Lama»

Prime incomprensioni tra Cina e Francia dopo la pace raggiunta sul Tibet. Secondo il ministero degli Esteri di Pechino, l'accordo prevede il divieto per le autorità francesi di incontrare il Dalai Lama. Parigi, ha detto il portavoce Qin Gang, «si è impegnata solennemente» in questo senso. «Speriamo che la Francia applichi il principio e lo spirito definiti nel comunicato», ha continuato.
Immediata la replica dell'Eliseo. Nicolas Sarkozy ha negato che l'intesa franco-cinese gli vieti di incontrare il Dalai Lama. «I cinesi sono estremamente pragmatici. Non avrebbero mai l'idea di domandare cose che non potrebbero ottenere», ha dichiarato il presidente francese. Il capo dell'Eliseo si è dichiarato «estremamente felice» di aver «cancellato i malintesi» con Pechino. Parigi due giorni fa si è ufficialmente impegnata a non sostenere l'indipendenza del Tibet. «Ho sempre pensato che faccia parte della Cina», ha detto Sarkozy.

03/04/2009