Cina: riprende negoziati libero scambio con Australia

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 19 feb - Cina e Australia hanno ripreso i negoziati per la conclusione di un accordo di libero scambio anche se da parte australiana si rileva come il nodo irrisolto resti quello dei prodotti agricoli. Il ministro australiano del Commercio Simon Crean rileva in particolare che Pechino non puo' fare all'Australia concessioni minori in materia di quelle recentemente riconosciute alla Nuova Zelanda. Alla Cina la conclusione dell'accordo importa soprattutto perche' aprirebbe la strada a un atteggiamento piu' favorevole da parte australiana all'acquisizione di concessioni e societa' minerarie nel Paese. I negoziati tra Pechino e Canberra durano ormai dal 2005 e sono stati interrotti piu' volte a causa di diversi episodi che hanno inasprito i rapporti diplomatici. Ultimo in ordine di tempo, l'arresto in Cina di due altri dirigenti del gruppo minerario Rio Tinto ritenuto da molti come una ritorsione contro il veto posto dall'Australia alla crescita della partecipazione di Chinalco nella stessa Rio Tinto. L'interscambio commerciale tra Cina e Australia ammonta a 76 miliardi di dollari australiani di cui 25 miliardi sono le esportazioni australiane di minerale di ferro in Cina.