CINA RESPINGE ACCUSE USA DI HACKERAGGIO

Roma, 16 giu.- Pechino respinge le accuse di hackeraggioprovenienti da Washington, secondo cui la Cina si sarebbeintrodotta nei sistemi di intelligence e militari statunitensiaccedendo a informazioni sensibili. "Circolano troppe vociinfondate e anonime. Non ho tempo di commentare ognuna diqueste" ha detto il portavoce del ministero degli Esteri LuKang. L'attacco e' avvenuto all'inizio del mese. Hacker -cinesisecondo diversi senatori Usa - sono entrati nei databasepersonali di funzionari del governo. "Cio' a cui assiste lacomunita' internazionale - ha sottolineato Lu - e' il furto diinformazioni da parte di Washington in modo organizzato esofisticato". Poi il portavoce ha ricordato agli Stati Unitiche devono una spiegazione alla comunita' internazionale. .