Cina: preconsuntivo 2009 vede crescita pil 8, 5%

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 06 gen - La crescita cinese dovrebbe raggiungere l'8,5% nel 2009, superando l'obiettivo fissato all'8%, grazie al piano di rilancio attuato dal governo. Lo ha affermato Zhang Xiaoqiang, alto funzionario della principale agenzia per la pianificazione cinese, secondo cui il piano di rilancio biennale da 400 miliardi di euro circa di fine 2008 ha permesso "di invertire rapidamente la discesa". Un crescita dell'8% e' considerata dal regime comunista cinese il minimo indispensabile per creare un numero adeguato di posto di lavoro ed evitare il degrado sociale. La crescita ha permesso di aumentare gli utili delle imprese, gli investimenti e sostenere i consumi interni. Ma l'economia cinese, secondo Zhang, deve fronteggiare ancora molte sfide per poter progredire con regolarita' e rapidita' nel 2010, soprattutto sui fronti dell'aumento dei consumi e dell'eccesso di capacita' produttiva in alcuni settori dove la concorrenza internazionale e' molto elevata. "Le prospettive non sono ottimistiche per l'anno prossimo perche' la domanda estera sara' frenata dal crescente protezionismo commerciale", ha precisato Zhang.