Cina: lasci fluttuare tasso di cambio (Bini Smaghi)

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 27 mag - Per evitare il ripetersi di squilibri internazionali e' necessario che la Cina "si doti di una propria politica monetaria e lasci fluttuare il tasso di cambio della sua moneta in funzione dei rapporti di competitivita', evitando di accumulare riserve internazionali in modo sistematico". Cosi' Lorenzo Bini Smaghi, membro del Comitato esecutivo della Bce in un intervento all'Universita' Luiss Guido Carli. Bini Smaghi osserva che dal luglio scorso l'apprezzamento dello yuan nei confronti del dollaro si e' arrestato e l'accumulo di riserve internazionali da parte del Paese e' proseguito raggiungendo "circa 2mila miliardi di dollari" nel marzo di quest'anno.