Cina: inflazione sopra 5% annuo "accettabile"

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 13 dic - In un intervista al quotidiano ufficiale China Daily, Pan Jiancheng, vicedirettore del centro studi dell'Ufficio nazionale di Statistica (China Economic Monitoring and Analysis center) ha anticipato un tasso di inflazione per dicembre pari al 5,1% ma ha anche dichiarato che il dato non deve preoccupare oltremisura in quanto la media della crescita dei prezzi in Cina negli ultimi 30 anni e' stata superiore al 5%. Si e' ben guardato dal ricordare che il dato deriva in buona parte dall'incidenza sul periodo dell'inflazione degli anni '90, quando l'aumento dei prezzi era sfuggito di mano alle Autorita' del Paese. L'attuale congiuntura, ha poi spiegato Pan, e' imputabile alla politica monetaria statunitense che inondando il mercato di liquidita' spinge gli operatori piu' speculativi a continue puntate sul rialzo dei prezzi delle materie prime e immobiliari. Il problema dei prezzi e' stato al centro anche della riunione tenutasi durante il week end tra gli esponenti economici del Governo di Pechino e i maggiori esperti economici del Paese. Un comunicato al fine dell'incontro sottolinea che il Governo nel 2011 dara' minore peso all'aumento "quantitativo" del PIL, puntando invece sugli aspetti qualitativi della crescita. Obiettivi prioritari: l'aumento dell' occupazione e la stabilita' dei prezzi. A sua volta la Banca Centrale prosegue nell'opera di contenimento della liquidita' con l'obiettivo di frenare la speculazione.