Cina: indice Pmi declina per il terzo mese consecutivo -2-


(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 01 lug - Nel
frattempo, il sottoindice dei prezzi in ingresso, un
indicatore delle pressioni inflazionistiche, e' sceso al 56,7
dal 60,3 di maggio. Tra i 10 sottoindici, tutti tranne uno
sono calati, rivelando un ampio rallentamento. Eppure, gli
economisti hanno detto che non c'e' bisogno di essere
eccessivamente preoccupati per un atterraggio difficile
dell'economia cinese. "L'attuale rallentamento dell'economia
non e' cosi' preoccupante in quanto e' solo a breve termine",
afferma l'economista di Ubs Securities, Wang Tao che ha
attribuito il rallentamento al decumulo delle scorte di
magazzino da parte delle imprese, nonche' alle misure di
stretta monetaria di Pechino. Wang si aspetta che l'economia
cinese realizzi un rimbalzo dopo luglio o agosto, quando le
aziende avranno concluso lo smaltimento delle scorte e la
domanda interna avra' recuperato. Un altro rialzo dei tassi
di interesse rimane necessario per combattere l'inflazione,
ha aggiunto.
Mai-Y-


(RADIOCOR) 01-07-11 08:11:13 (0042) 3 NNNN