CINA: ERGASTOLO ALL'UOMO PIU' RICCO DEL TIBET

CINA: ERGASTOLO ALL'UOMO PIU' RICCO DEL TIBET
Pechino, 13 ago. - Il magnate piu' ricco del Tibet e' stato condannato all'ergastolo. Dorje Tashi, 37 anni, e' stato giudicato colpevole di aver aiutato gruppi di tibetani in esilio con alcune donazioni. Lo hanno riferito organizzazioni di diritti umani.  La sentenza, informa un comunicato del Centro tibetano per i diritti umani e la democrazia con sede a Dharamsala, in India (dove vive in esilio il Dalai Lama, leader spirituale tibetano) e' stata pronunciata il 26 giugno a Lhasa, capitale della regione autonoma, dal Tribunale popolare municipale intermedio. Il fratello maggiore di Tashi, Dorje Tseten, e' stato condannato a sei anni di carcere, per avere inviato, spiega l'organizzazione, denaro all'entourage del Dalai Lama, esiliato in India dal 1959. I media cinesi non hanno dato notizia delle condanne. Tashi appartiene ad una elite benestante di tibetani che collaborano con il regime, e'membro del Partito comunista cinese dal 2003 e nel 2005 incontro' anche il presidente cinese Hu Jintao e il primo ministro Wen Jiabao. (AGI)

 

© Riproduzione riservata