Cina: crescita mercato auto tra il 12% e il 16% fino al 2016 -2-


(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 01 giu - Nel 2010, il
mercato dell'auto cinese e' cresciuto di oltre il 32% dopo
che il Paese asiatico e' diventando leader mondiale del
settore, superando gli Stati Uniti nel 2009. Ma nel mese di
aprile, le vendite sono scese per la prima volta dal gennaio
2009 dello 0,25%. "Si tratta di un calo a breve termine"
causato della fine degli incentivi del governo, ha detto ai
giornalisti Christian Paul, manager di AlixPartners. D'altra
parte, l'evoluzione dei prezzi del petrolio nei prossimi
cinque anni dovrebbe avere scarso impatto sul mercato,
perche' "l'auto in Cina e' piu' uno status symbol e segno di
uno stile di vita" ha detto Jinghui Wu, direttrice di
AlixPartners per la Cina. L'evoluzione del mercato dovrebbe
essere ancora meglio per i fornitori di pezzi di ricambi
(+44% nel 2010), tra cui un numero sempre crescente sono in
grado di esportare nel resto del mondo e possono
approfittare in patria di una flotta invecchiata. "Il tasso
di crescita annuale per le parti e servizi sul mercato
post-vendita superera' il 30%", prevede lo studio. Le
esportazioni di parti di ricambio negli Stati Uniti,
Giappone, Corea del Sud e Germania nel 2010 sono aumentate
tra il 36% e 54% dice AlixPartners. La redditivita' del
settore automobilistico cinese nel 2010 ha raggiunto livelli
record del 7,6% per i produttori e del 10% per le
attrezzature. Le principali sfide per il settore si
riferiscono ai costi di produzione, legati soprattutto agli
aumenti salariali, e la difficolta' di trovare abbastanza
personale qualificato. "La mancanza di personale qualificato
rimarra' un problema per cinque-dieci anni" in Cina, dice
Paul. Le marche nazionali, che detengono solo il 29% del
mercato cinese, contro il 43% negli Stati Uniti, il 58% in
Francia e 96% in Giappone, sono attese in crescita di 4-5
punti percentuali entro il 2016, secondo AlixPartners.
Mai-


(RADIOCOR) 01-06-11 13:02:57 (0160) 3 NNNN