Cina: Cbrc, l'inflazione minaccia la ripresa mondiale


(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pechino, 07 giu - L'inflazione
e' in crescita in tutto il mondo e minaccia la ripresa
globale e il sistema finanziario internazionale. Lo ha detto
il presidente della China Banking Regulatory Commission
(Cbrc) Liu Mingkang, in una pubblicazione della Scuola
centrale del Partito comunista cinese. Per Liu, l'inflazione
che colpisce sia i Paesi sviluppati che quelli in via di
sviluppo e' il risultato della politica monetaria molto
accomodante di Stati Uniti, Europa e Giappone, che ha
prodotto la liquidita' che ha invaso il mercato mondiale
delle materie prime. "Se le bolle finanziarie e le pressioni
inflazionistiche continuano ad aumentare, questo potrebbe
portare ad alti tassi di interesse in risposta alla
stagflazione", ha detto Liu Mingkang. La stagflazione e' una
situazione di stagnazione economica accompagnata da alti
tassi di inflazione. Questo "potrebbe ritardare la ripresa
dell'economia reale e mettere in discussione, ancora una
volta, il ruolo del sistema finanziario internazionale", ha
detto il funzionario cinese. Liu anche messo in guardia
contro i segni di indebolimento della crescita dei consumi
in Cina, dove i prezzi sono in rapida crescita ed ha infine
aggiunto che le banche cinesi devono mostrarsi "molto
attente" alla loro esposizione sul mercato immobiliare e di
fronte al rischio di mancato pagamento delle strutture di
finanziamento ad hoc create dai governi locali che si sono
indebitati pesantemente nella crisi finanziaria globale e
una parte di questo debiti sono considerati difficili da
recuperare.
Mai-Y-


(RADIOCOR) 07-06-11 10:43:41 (0099)ASIA 3 NNNN