CINA: ACCORDO CON CANADA PER VISTI DI 10 ANNI

Pechino, 9 mar. - Cina e Canada garantiranno visti per unperiodo fino a dieci anni di durata ai cittadini dellacontroparte. Lo ha annunciato ieri il ministro degli Estericinese, Wang Yi, a margine dei lavori dell'Assemblea Nazionaledel Popolo, il parlamento cinese, in corso a Pechino. L'accordoe' in vigore da oggi, ha spiegato il ministro, senza fornireulteriori dettagli, e arriva in un momento in cui molti Paesilavorano per attrarre investimenti cinesi. A novembre scorso,Cina e Stati Uniti si erano accordati per l'estensione fino acinque anni per i visti agli studenti cinesi negli Usa estatunitensi in Cina, annunciato durante la visita a Pechinodel presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, in occasionedel vertice dei leader dei Paesi membri dell'Apec,l'Asia-Pacific Economic Forum. Il turismo cinese ha vistocrescere esponenzialmente negli ultimi anni i propri numeri,arrivando a superare i cento milioni di turisti lo scorso anno.In giro per il mondo, i turisti cinesi hanno speso, secondo gliultimi calcoli, 163 miliardi di dollari nel 2014, superando didieci miliardi di dollari le stime della China Tourism Academy.PECHINO, INCONTRO CON COREA NORD QUANDO CONVIENE A ENTRAMBI Pechino, 8 mar. I leader di Cina e Corea del Nord siincontreranno "quando sara' conveniente per entrambe le parti".Lo ha detto il minisrto degli Esteri cinese, Wang Yi, cheparlando con i giornalisti si e' riferito alla nazioneconfinante come a un Paese amico. Il leader nordcoreano KimJong Un non ha ancora visitato Pechino da quanto ha preso ilpotere nel 2011 alla morte del padre. Da allora i rapporti trala Corea del Nord e la Cina, suo unico alleato di peso, si sonoraffreddati. Il leader di Pyongyang, secondo quanto si prevede,dovrebbe compiere una visita ufficiale in Russia entro l'anno.Il presidente cinese Xi Jinping ha incontrato la sua omologadella Corea del Sud, Park Geun-hye, sei volte da quando i duehanno iniziato i rispettivi mandati nel 2012CINA APRE A GIAPPONE, LEADER BENVENUTO PER 70 ANNI FINE GUERRA Pechino, 8 mar. - Segnali di distensione dalla Cina alGiappone: Pechino ha annunciato che tutti i leader del mondosono i benvenuti alle celebrazioni per il 70mo anniversariodella fine della Seconda guerra mondiale, quindi anche quellinipponici. Negli ultimi due anni le relazioni tra Pechino eTokyo, gia' difficili dai tempi dell'occupazione di parte delterritorio cinese durante la guerra sino-giapponese nel 1931,si sono incrinate ulteriormente a causa della disputa sulleisole Senkaku (per i giapponesi) o Diaoyu (per i cinesi).Segnali di disgelo si erano gia' registrati con la decisione diorganizzare i primi colloqui sulla sicurezza degli ultimi 4anni, fissati per il 19 marzo a Tokyo. "Il nostro obiettivo e'ricordare la storia, commemorare i martiri, promuovere la pacee guardare al futuro", ha spiegato il ministro degli Estericinese Wang Yi. "Estenderemo il nostro invito ai leader ditutti i Paesi importanti e alle organizzazioni internazionali,non importa chi siano, se verranno con sincerita', sono ibenvenuti", ha aggiunto., rispondendo ai giornalisti che glichiedevano se il premier giapponese Shinzo Abe sara' invitatoalla grande parata in programma a settembre, la prima per ilpresidente Xi Jinping. AEREO SCOMPARSO: CINA, NOSTRE RICERCHE NON SI FERMANOPechino, 8 mar. - A un anno esatto dalla scomparsa del voloMH370, le autorita' cinesi e malesi si impegnano a continuarele ricerche del Beoing 777 della Malaysia Airlines, scomparsodai radar nella notte tra il 7 e l'8 marzo 2014, poco dopo ildecollo dall'aeroporto di Kuala Lumpur. L'impegno cinese e'stato ribadito oggi dal ministro degli Esteri cinese, Wang Yi,a margine dei lavori dell'Assemblea Nazionale del Popolo, incorso a Pechino in questi giorni. Wang ha rivolto il pensierodelle autorita' cinesi alle famiglie dei 153 passeggeri cinesia bordo del volo scomparso. "Oggi e' un giorno duro per ifamiliari dei passeggeri - ha dichiarato il ministro - I nostricuori sono con voi". L'impegno nelle ricerche e' statoconfermato anche dalle autorita' della Malaysia. "La scomparsadel volo MH370 e' senza precedenti - ha dichiarato il primoministro Najib Razak in un comunicato - e cosi' lo sono anchele ricerche, le piu' complesse e tecnicamente difficili nellastoria dell'aviazione moderna".Nella giornata di oggi, un gruppo di familiari delle vittimedel volo MH370 si sono radunate a Pechino per duemanifestazioni: al Tempio dei Lama, in un'area storica dellacapitale cinese, nella mattinata, e nei pressi dell'ambasciatadella Malaysia, nel primo pomeriggio, ora locale. Circaquaranta persone hanno scandito slogan e agitato cartelli diprotesta all'indirizzo del governo malese, in una via neipressi della sede diplomatica di Kuala Lumpur, sorvegliate dadecine di agenti di polizia, che avevano bloccato l'accessoall'ingresso dell'ambasciata malese. Pochissimi, nell'ultimoanno, i progressi sulle ricerche del volo scomparso, che sisono concentrate soprattutto su un'area dell'Oceano Indianomeridionale, lontana da qualsiasi approdo sulla terraferma.L'ultimo rapporto sulla scomparsa del volo curato dalleautorita' malesi e presentato oggi a Kuala Lumpur, ha rivelatoun'anomalia ai segnali luminosi dei localizzatori subacquei delBeing 777, la cui batteria era scaduta piu' di un anno primadella scomparsa dai radar dell'aereo. "L'unico obiettivodell'indagine - si legge nel rapporto - e' la prevenzione diincidenti simili in futuro, e non per stabilire colpe oresponsabilita' da assegnare".