CINA: A DUNHUANG MAXI-IMPIANTO SOLARE

Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest
 


Pechino, 19 giu. - Passa per posti come Dunhuang, piccolo centro nella provincia nord-occidentale cinese del Gansu, lo sviluppo a ritmi vertiginosi del fotovoltaico cinese. Le immagini satellitari del maxi-parco solare cinese diffuse nelle scorse ore hanno fatto il giro del mondo. Appena visibile dallo spazio nel 2012, a tre anni dall'inizio dei lavori di realizzazione dell'impianto nel deserto dei Gobi, il centro di Dunhaung è oggi tra i più estesi in tutto il territorio cinese. Il parco solare nel Gansu testimonia l'accelerazione data dal governo al settore del fotovoltaico. In soli tre anni l'area adibita a pannelli si è triplicata portando il Gansu, una delle aree più arretrate della Cina, a diventare una delle aree a maggiore sviluppo del fotovoltaico a livello nazionale: alla fine del 2014, gli impianti connessi alla rete di distribuzione di energia hanno raggiunto i 5,2 gigawatt, su un totale di 28 gigawatt di energia installati in tutto il Paese. Nei primi tre mesi dell'anno si sono già aggiunti altri cinque gigawatt di pannelli solari installati.

I gruppi del fotovoltaico cinesi sono famosi in tutto il mondo. Yingli è stato tra gli sponsor del mondiale brasiliani dello scorso anno e ha da poco rinnovato i contratti per sponsorizzare anche le Olimpiadi di Rio de Janeiro del prossimo anno. Hanergy, del discusso Li Hejun, prevede una massiccia espansione all'estero, e si propone come gruppo di punta a livello mondiale nella tecnologia a film sottile. Prima delle singole aziende, vengono, però, gli ambiziosi piani del governo centrale, con un meccanismo di agevolazioni per le aziende e un ambizioso piano di sviluppo per i prossimi cinque anni, che saranno coperti dal prossimo piano quinquennale, il tredicesimo, che prenderà in esame lo sviluppo negli anni compresi tra il 2016 e il 2020.

La Cina oggi domina il mercato dell'energia solare con circa un terzo del totale della produzione mondiale di moduli e pannelli, secondo i dati della National Energy Administration, l'ente regolatore del settore energetico cinese. Anche a livello internazionale, le proporzioni del mercato cinese sono altissime: dei 55 gigawatt di pannelli che verranno installati entro fine 2015, 17,8 gigawatt, secondo le ultime stime di produzione ufficiali, proverranno dalla Cina, mentre solo otto gigawatt, equivalenti a circa il 14% del totale delle nuove installazioni, saranno realizzate negli Stati Uniti.

 

19 giugno 2015

 

Immagine satellitare (NASA)

© Riproduzione riservata