Cina-Svizzera, operativo accordo zona libero scambio

di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest


Pechino, 2 lug. - Cina e Svizzera sono da ieri unite da un accordo di libero scambio. I due Paesi avevano stretto il patto lo scorso anno, ma è diventato operativo solo dall'inizio del mese di luglio. "La nostra economica ha bisogno di accesso ai mercati per le proprie merci e i servizi - ha commentato il ministro svizzero per l'Economia, Johann Schneider-Amman - Il mercato interno svizzero è troppo piccolo perché possa prosperare il nostro mercato del lavoro e questa la considerazione che muove la nostra politica economica all'estero".

 Da ieri, in base all'accordo firmato lo scorso anno tra i due Paesi, il 99,7% delle merci cinesi in entrata in Cina sono esenti da tasse, mentre l'84,2% delle esportazioni svizzere nel Dragone potrebbe non essere soggetta ad alcuna tassa doganale. L'accordo tra i due Paesi copre anche la protezione della proprietà intellettuale per le merci svizzere che entrano in Cina. Quella sulla tutela della proprietà intellettuale è una delle problematiche più sentite dai Paesi occidentali nei rapporti commerciali con Pechino. "L'accordo di libero scambio - ha commentato Yu Jianhua, inviato cinese in Svizzera - è un passo storico che cementerà le nostre relazioni".

 L'accordo con la Svizzera è il secondo di questo tipo con un Paese europeo da parte della Cina. Nessuno dei due Paesi con cui sono stati stretti gli accordi è però parte dell'Unione Europea. Il primo accordo di libero scambio è stato con l'Islanda, firmato nell'aprile 2013. Lo scorso anno le esportazioni europee verso la Cina hanno raggiunto quota 148,1 miliardi di euro, mentre quelle cinesi verso l'Unione Europea hanno toccato quota 279,9 miliardi di euro. Le esportazioni svizzere verso la Cina, lo scorso anno, hanno toccato quota 7,2 miliardi di euro, e riguardano soprattutto macchinari di precisione, orologi, farmaci e prodotti chimici, mentre macchinari e prodotti tessili sono le principali voci di esportazione cinese verso Berna.



2 luglio  2014

 

ALTRI ARTICOLI:

 


HK: IN 500MILA PROTESTANO NELL'ANNIVERSARIO DEL RITORNO ALLA CINA


AMBASCIATA CELEBRA INIZIO SEMESTRE PRESIDENZA ITALIA UE

 

A PECHINO -10% DI TURISTI, COLPA DELLO SMOG


MILITARI SOSTENGONO EPURAZIONE DI XU CAIHOU


ESPULSO DAL PCC EX NUMERO DUE DELL'ESERCITO

 

YUAN: DUE CLEARING BANKS IN FRANCIA E LUSSEMBURGO

 

XI: LA CINA NON FLETTE I MUSCOLI IN MODO AGGRESSIVO


CINA-TAIWAN: DELEGATO CINESE, "CINA RISPETTA SISTEMA SOCIALE DI TAIWAN"

 

SHANGHAI, PBOC LIBERALIZZA TASSI SU DEPOSITI VALUTA ESTERA

 

IRAQ, OLTRE 50 DIPENDENTI CINESI EVACUATI


LEONARDO DA VINCI CERTIFICATO 'WELCOME CHINESE AIRPORT'

 

PIAZZA LIU XIAOBO A WASHINGTON "UNA FARSA"

 

XINJIANG, 9 CONDANNE FINO A 14 ANNI PER TERRORISMO

 

PRIMA CONFERENZA ITALIA-CINA SU DIPLOMAZIA CULTURALE

 

MONDIALI: ITALIA VITTIMA "MALEDIZIONE" CONDUTTRICE CINESE

 

LI PENG PUBBLICA MEMORIALE, MA NON PARLA DI TIAN'ANMEN

 

CINA VUOLE UNA BANCA REGIONALE PER L'ASIA PACIFICO ENTRO IL 2015

 

CCTV, IN ONDA IMMAGINI INEDITE ATTACCO TIAN'ANMEN

 

BANCA CENTRALE: RISCHIO DEFAULT IN ALCUNI SETTORI

 

CAMBI: USA A CINA, LIBERALIZZARE LO YUAN

 

HONG KONG RISPONDE AL GLOBAL TIMES, NESSUN CONFRONTO CON I CINESI

 

SPAGNA ARCHIVIA ACCUSE A JIANG, PECHINO "BENE"

 

GOVERNO: MATTEO RENZI INCONTRA MENG JIANZHI

 

Intervista a Paolo De Troia TESTI DI LETTERATURA CINESE SCELTI E TRADOTTI DA BERTUCCIOLI

 

INTERVISTA A DAVIDE CUCINO, LA CINA CHE HO VISSUTO ALLA CAMERA

 

XINJIANG, 380 ARRESTI NEL PRIMO MESE DI CAMPAGNA ANTI TERRORISMO

 

REFERENDUM A HONG KONG, CINA: "UNA FARSA"

 

HSBC: MANIFATTURIERO TORNA IN ESPSANSIONE

 

 

@ Riproduzione riservata

 

 

 

 

@ Riproduzione riservata