CAPO DI WUKAN AGLI ARRESTI, AMMETTE CORRUZIONE IN VIDEO-CONFESSIONE

Di Eugenio Buzzetti


Pechino, 21 giu. - Il capo del villaggio di Wukan, Lin Zulian, arrestato sabato scorso per il sospetto di corruzione, ha dichiarato in una video-confessione di avere accettato tangenti negli anni in cui è stato a capo del piccolo centro del Guangdong, nel sud-est della Cina. Il capo del villaggio ha letto un messaggio di fronte alle telecamere in cui si dice colpevole di corruzione a causa della propria "negligenza e ignoranza della legge". Il video è stato diffuso dalla Procura della città di Shanwei, nel Guangdong, che sta conducendo le indagini sul suo caso.

Il villaggio di Wukan aveva attirato l'attenzione dei media internazionali nel 2011 per le lunghe rivolte popolari contro le confische illegali dei terreni da parte di immobiliaristi e funzionari locali, che erano sfociate in elezioni democratiche vinte dallo stesso Lin. L'ammontare delle tangenti intascate da Lin sarebbe "considerevole" anche se non viene rivelata una cifra esatta. Dal momento dell'arresto nel piccolo villaggio nel sud-est della Cina, sono cominciate le manifestazioni degli abitanti a sostegno di Lin, e già dalla giornata di sabato è aumentata la presenza degli agenti a Wukan per evitare disordini nel piccolo centro del Guangdong, che conta circa tredicimila abitanti. In una telefonata alla moglie, ieri, Lin avrebbe chiesto agli abitanti del villaggio di continuare a combattere per la giustizia.

 

21 GIUGNO 2016

 

ALTRI ARTICOLI


XI IN POLONIA, DOPO 22 INTESE FIRMATE IN SERBIA
Firmato accordo di partnership strategica complessiva
 

 

NASCE L'AGENDA 4.0 PER PROMUOVERE L'ITALIA IN CINA

PBOC, FLUTTUAZIONI YUAN INEVITABILI 

 

WANDA ENTRA NEL BASKET MONDIALE
Sponsor Fiba fino al 2033
 

 

CORRUZIONE, 12 ANNI DI CARCERE AL NIPOTE DI ZHOU YONGKANG  

 

HONG KONG: PROTESTE DOPO RIVELAZIONI LIBRAIO LAM "PECHINO HA VIOLATO LA LEGGE"

 

INAUGURATO SHANGHAI DISNEYLAND, PARCO-RECORD DA 5 MILIARDI 

 

IN MOSTRA A ROMA OPERE "BEIJING 798 IMPRESSION"

 

PECHINO, MSCI CI ESCLUDE "INCOMPLETO SENZA DI NOI"

 

 

@ Riproduzione riservata