CALA L'ESPORTAZIONE DI PRODOTTI ELETTRONICI

Pechino, 4 feb. - L'indagine del Ministero del Commercio cineserivolta a 35 societa', 10 citta' e province costiere e 400imprese di esportazione, ha dimostrato che nel 2009, a causadella crisi finanziaria, l'esportazione di prodotti elettronicitendera' a diminuire, aumenteranno le difficolta', soprattuttonella prima meta' dell'anno, e alcune industrie registrerannoaddirittura una crescita negativa. L'esportazione di circa il60% dei prodotti elettronici cinesi verso i tre grandi sistemieconomici, America, Europa e Giappone, avra' un pesantedeclino. Cresceranno le difficolta' anche per i mercatiemergenti e per le sviluppate ditte di esportazione cinesi. Lostudio ha dimostrato che la crisi economica ha gradualmenteinteressato le imprese cinesi che esportano prodottielettronici allargandosi dalla costa alle zone interne, dalleimprese a capitale straniero alle imprese nazionali, dalle PMIalle grandi imprese. E' possibile notare che, a seconda dellivello con cui la crisi si e' riversata in alcuni settori,diverse imprese hanno registrato un diverso livello di rischiodi fallimento. Le fabbriche che producono prodotti di qualita'e prezzo bassi hanno risentito piu' di altre dell'impattonegativo della crisi, a seguire le industrie poco innovative,deboli nella ricerca e nello sviluppo, cosi' come le industrieche mancano di marchi indipendenti e quelle che vendono inrete. Il Ministero del Commercio nel 2009 prendera' una seriedi provvedimenti per proteggere e accrescere la stabilita'dell'esportazione dei prodotti elettronici e ad altatecnologia.