BO: SMENTITA DIMISSIONI, ARRIVA LA PROVA VIDEO

BO: SMENTITA DIMISSIONI, ARRIVA LA PROVA VIDEO

di Sonia Montrella

 

Roma, 22 feb.- Dopo la smentita ufficiale sulle dimissioni di Bo Xilai da parte del governo di Chongqing, arriva anche la 'prova video'.Nel notiziario delle 7pm di ieri, la tv di stato cinese CCTV hatrasmesso un filmato che mostra il segretario del PCC dellamunicipalità di Chongqing prendere parte, lunedì scorso, a una riunionedel Politburo presenziata dal segretario del partito Hu Jintao. Propriola sua presunta assenza a incontri ufficiali aveva avallato negliultimi giorni la tesi dell'International Center for Information onHuman Rights and Democracy di Hong Kong secondo cui il numero uno diChongqing aveva firmato una lettera nella quale consegnava il suomandato al governo cinese.

 

E il motivo del passo indietro di Bo sarebbe legato al "caso Wang Lijun":il super-poliziotto 'traditore' che avrebbe chiesto asilo politicopresso il consolato USA a Chengdu. Altre indiscrezioni trapelate negliultimi giorni e riprese dal portavoce del Centro hanno fattoriferimento a una possibile sostituzione di Bo Xilai a Chongqing conZhou Qiang, attuale segretario del partito provinciale dello Hunan eappartenente alla cerchia dei Tuanpai, ovvero degli esponenti che hannofatto parte della Lega della Gioventù, vicini a Hu Jintao. Le immaginidella CCTV, che mostrano un Bo Xilai intento a prendere appunti su untaccuino, suggeriscono che l'uomo è tuttora un membro del Politburo.

 

Ieri, l'ufficio stampa del governo di Chongqing e il dipartimentodi Propaganda della municipalità hanno dichiarato che il leader eratornato da Pechino e si era presentato al solito nel suo ufficio."Qualsiasi illazione sulla vicenda è falsa" avevano poi aggiunto. Boccacucita al ministero degli Esteri dove uno dei portavoce ha dichiaratodi essere all'oscuro dei rumors sulle dimissioni. Voci che, secondofonti governative contattate dal South China Morning Post, seppuresiano parzialmente vere potrebbero avere altre motivazioni: "Ne abbiamosentito parlare, ma non abbiamo ancora avuto alcuna conferma. Se Bo hadavvero offerto le dimissioni molto probabilmente lo ha fattonell'ottica di uno stratagemma politico". Per Chen Ziming, ledimissioni di Bo Xilai rappresenterebbero una mossa ben calcolata: "lasaga di Wang Lijun si è trasformata in uno dei più grossi scandalipolitici degli ultimi 60 anni e Bo può solo assumersene leresponsabilità essendo Wang il suo braccio destro". In altre parole ledimissioni rappresenterebbero l'unico strumento nelle mani di Bo perrisollevare la sua immagine.

 

Astro in ascesa della politica nazionale cinese, proiettato verso unseggio al Comitato Permanente - il gotha del Partito Comunista Cinese -il numero uno di Chongqing vanta geni di tutto rispetto tra le file delPCC: Bo Xilai è infatti il figlio di Bo Xibo, uno degli "Ottoimmortali", gli eroi della rivoluzione comunista. Spesso sorridente eamabile con i media, è diventato celebre per due motivi: perché hadissotterrato dalla memoria cinese la nostalgia maoista sotto forma dicanzoni e messaggi di propaganda spediti via sms, insieme allarieducazione dei giovani nelle campagne (tanto da guadagnarsil'appellativo di "nuovo Mao") e poi per la sua furiosa lotta, spessocondotta oltre i limiti del lecito, contro la mafia. Una crociatacontro la criminalità combattuta proprio con l'aiuto di Wang Lijun, almomento sotto l'occhio delle autorità centrali per aver chiesto asilo politico al Consolato americano nella nottetra il 6 e il 7 febbraio, e forse in possesso di particolari segretisul segretario del partito di Chongqing.

 

Basteranno le immagini della CCTV a dissipare ogni dubbio? Nelfrattempo a mettere a tacere le voci che circolavano sul web èintervenuta la potente macchina della censura. Sia sul "Twittercinese", Weibo, che sul motore di ricerca Baidu.com, se si digita "BoXilai" e "dimissioni", compare il seguente messaggio: "I risultatidella ricerca potrebbero non essere conformi alle leggi e regolamenti epolitiche pertinenti, e non possono essere visualizzati".

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

GOVERNO SMENTISCE VOCI SU DIMISSIONI DI BO XILAI Ilgoverno di Chongqing ha smentito le voci sulle dimissioni di Bo Xilai,sostenendo che il leader si è presentato al solito nel suo ufficio eche qualsiasi illazione sulla vicenda è falsa. Continua



SUCCESSIONE POLITICA, NE RIMARRANNO SOLO SEISi colora di mistero la lotta alla successione politica in Cina. Seinfatti i primi due posti, quelli di presidente e premier risultano giàassegnati, rispettivamente a Xi Jinping e Li Keqiang, a fine 2012saranno sei i nomi del Comitato Centrale del Politburo a cambiare...Continua



IL CASO WANG LIJUN



SPIE, MAFIA, POLITICA, ECCO L'INTRIGO CHE SCUOTE LA CINA
 La spy story di Wang Lijun, il superopoliziotto in fuga, tiene svegliala Cina e fa tremare tutto l'establishment del Paese. Possibile?  Unthriller reale che diventa una fiction, e che mette insieme politica,mafia e corruzione, sullo sfondo della diplomazia di alto calibro congli Stati Uniti... Continua

 

©Riproduzione riservata