BILANCIO SULLE CALAMITA' NATURALI DEL 2009

Pechino, 12 gen. - Le calamita' naturali verificatesi in Cinanel 2009 hanno causato perdite per un valore pari a piu' di 25miliardi di euro. E' quanto emerge dai dati del rapporto sullecalamita' naturali pubblicato dal Ministero degli Affaricivili, che ha tenuto una conferenza a riguardo congiuntamentead altri Ministeri e Istituti cinesi. Dalle valutazioni e'emerso che nell'anno appena trascorso i disastri naturali sonostati di diverso genere e di ampia portata e hanno provocatoseri danni. Si sono verificati terremoti, siccita',inondazioni, grandinate, tifoni, ondate di caldo, gelate,nevicate, frane, incendi e danni alle colture causati dainsetti nocivi. Alcune zone sono state colpite piu' di unavolta da disastri naturali che hanno compromesso gravemente lasicurezza dei cittadini e dei beni materiali. Le personecoinvolte sono state complessivamente 480 milioni, di cui ideceduti o dispersi ammontano a 1528 e gli sfollati a piu' di 7milioni. Sono stati colpiti 47 milioni di ettari di superficiecoltivata, di cui piu' di 4 milioni non hanno dato raccolto; lecostruzioni distrutte ammontano infine a 838mila. Le provincepiu' colpite sono state Sichuan, Hunan, Yunnan, MongoliaInterna, Heilongjiang, Jilin, Jiangxi, Liaoning, Gansu e Hebei.Dal rapporto si evince che la siccita', le alluvioni e legrandinate sono le calamita' naturali che hanno provocatomaggiori danni alla popolazione e agli edifici. .