ASEAN: CINA INCASSA SOSTEGNO CAMBOGIA E MANCATA MENZIONE ALL'AIA

Di Eugenio Buzzetti


Pechino, 25 lug. - La Cina incassa il sostegno della Cambogia nelle dispute di sovranità nel Mare Cinese Meridionale e il mancato riferimento alla sentenza della Corte Permanente di Arbitrato dell'Aia del 12 luglio scorso nel comunicato emesso dai ministri degli Esteri dei Paesi dell'Asean, l'associazione delle economie del sud-est asiatico. Nella nota congiunta si fa solo menzione alle preoccupazioni per le dispute di sovranità nel Mare Cinese Meridionale e per "l'escalation di attività nell'area", ma senza alcun riferimento specifico alla sentenza dei giudici dell'Aia, che hanno negato alla Cina ogni diritto storico sull'ampia porzione di Mare Cinese Meridionale che Pechino rivendica.

Le attività nel Mare Cinese Meridionale, si legge nel comunicato congiunto del meeting Asean a Vientiane, hanno "eroso la fiducia, aumentato le tensioni e possono danneggiare la pace, la stabilità e la sicurezza nella regione", e si sottolinea l'importanza di non militarizzare l'area e di esercitare prudenza nelle rivendicazioni territoriali. Il Vietnam e soprattutto le Filippine volevano inserire un cenno chiaro alla sentenza nel comunicato finale, mentre la Cambogia era fortemente contraria, e Manila, secondo fonti diplomatiche, sarebbe stata disposta a fare un passo indietro per evitare che il meeting non producesse un comunicato congiunto. Cina e Filippine sono ancora ai ferri corti sul Mare Cinese Meridionale. Settimana scorsa, Manila aveva rifiutato l'opzione di intraprendere un dialogo bilaterale con la Cina sulle dispute di sovranità nel Mare Cinese Meridionale, dopo una prima apertura da parte di Pechino alla ripresa dei colloqui.

Vietnam e Filippine sono i Paesi più coinvolti nelle dispute di sovranità con la Cina nel Mare Cinese Meridionale, mentre la Cambogia non ha rivendicazioni nel Mare Cinese Meridionale. Pechino "apprezza molto" il sostegno di Phnom Penh, ha detto il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, al suo omologo cambogiano, Prak Sokhonn, e ha ribadito che la Cina non permetterà a "forze esterne" di "portare il caos nella regione", un riferimento implicito al ruolo degli Stati Uniti, rappresentati a Vientiane dal segretario di Stato, John Kerry, giunto oggi nella capitale laotiana. Le questioni di sovranità nel Mare Cinese Meridionale e il rispetto della sentenza dell'Aia saranno i principali argomenti di discussione negli incontri del segretario di Stato Usa con i ministri degli Esteri dell'Asean e con lo stesso Wang. 


25 LUGLIO 2016

 

 

ALTRI ARTICOLI

 

G20: RIPRESA GLOBALE ANCORA DEBOLE, PESANO BREXIT E TERRORISMO

 

PREMIER LI, RIPRESA GLOBALE NON DIPENDE SOLO DA CINA

 

STUDENTI CINESI A MONTECITORIO PER STUDIARE RIFORME

 

@Riproduzione riservata