AMBIENTE: NUOVA CENTRALE TERMOELETTRICA IN TIBET

Lhasa, 21 dic. - La piu' grande centrale termoelettrica delTibet e' entrata ufficialmente in funzione dopo 72 ore diprova. Completata in soli 100 giorni, la struttura e' statarealizzata dal governo della regione autonoma del Tibet incollaborazione con il China Huaneng Group (impresa statale perla produzione di energia elettrica) e, con una produzionegiornaliera di circa 160 mila gradi, supplira' alla necessita'di energia elettrica nell'area di Lhasa per l'inverno. Inseguito al rapido sviluppo economico e sociale del Tibet,infatti, la richiesta di energia elettrica e' aumentata in modosignificativo. A causa della scarsita' di precipitazioni diquest'anno, che ha influito negativamente sulla produzione dienergia idroelettrica, e del fatto che la fornitura da partedella rete elettrica sinotibetana e' resa particolarmentecomplicata dalle difficili condizioni geografiche, la mancanzadi elettricita' e' stata pari al 30% dell'energia totalefornita dalla rete. Per risolvere la questione, e' statoavviato il progetto "fonti di energia alternative per Lhasa".Tale iniziativa prevede la fornitura di 10 mila kilowatt dienergia elettrica (pari al 20% di quella fornita dalla reteelettrica sinotibetana). In tutto verranno realizzati 9stabilimenti dotati di generatori diesel per una capacita'complessiva di 11.500 kilowatt e un investimento complessivo di23 miliardi di euro. Entro la fine dell'anno iniziera' lacostruzione di due impianti, mentre entro febbraio del prossimoanno, tutti i 9 stabilimenti saranno in fase di realizzazione. .