Al via festival carne di cane a Yulin, 11 mln contro

Pechino, 21 giu. - Al via oggi uno degli eventi più controversi della Cina, il festival della carne di cane a Yulin, città della provincia meridionale cinese del Guangxi, che ogni anno produce una mattanza di migliaia di cani. Iniziato nel 2009, per incentivare il turismo locale, il festival è stato da subito al centro delle polemiche e oggi ancora di più che negli anni precedenti.

Sono almeno undici milioni i firmatari di una petizione presentata agli uffici dell'amministrazione di Yulin che chiede l'abolizione del festival. I funzionari locali hanno chiesto di non procedere alla macellazione degli animali in luoghi pubblici, come spesso avviene, prendendo le distanze dalla manifestazione a cui non danno alcun appoggio ufficiale. In occasione del via ufficiale della manifestazione è aumentato, nella percezione degli stessi residenti a Yulin, anche lo spiegamento di forze dell'ordine.

Il festival di Yulin sta diventando sempre più impopolare anche tra i cinesi. In base a un recente sondaggio pubblicato dall'agenzia Xinhua, il 64% degli interpellati, di età compresa tra i 16 e i 50 anni, sono a favore di porre fine al festival che incontra l'opposizione degli animalisti a livello internazionale. Il 51,7% di chi ha partecipato al sondaggio chiede la fine immediata del festival (tra cui anche gli stessi abitanti della città del Guangxi) mentre il 69,5% di loro ha dichiarato di non avere mai mangiato carne di cane.

 

e.b.

 

21 GIUGNO 2016

 

@ Riproduzione riservata