AIUTI SANITARI ALLE ZONE POVERE DEL TIBET

Lhasa, 3 dic. - La China Women's Development Foundation hainviato 30 veicoli nella provincia autonoma del Tibet perrisolvere il problema del sistema dei trasporti sanitari epotenziare gli aiuti sanitari per le donne e i bambini dellearee agricole piu' remote. Il progetto, denominato "HealthyMother Express", ha preso avvio nel luglio 2003 e si pone comeobiettivo la riduzione del tasso di mortalita' infantile eprenatale nonche' il tasso di mortalita' per parto dovuta allamancanza di servizi sanitari adeguati . In un territorio vastocome il Tibet, dove la densita' della popolazione e' pari a dueabitanti per chilometro quadrato e dove i sistemi dei trasportisono molto arretrati, la Fondazione ha incrementato il numerodei veicoli sanitari per un totale di 80 minibus-ambulanze. Iveicoli, del valore di 20000 euro ciascuno, sono statiappositamente pensati per attraversare le zone impervie delTibet. Negli ultimi anni Lhasa ha cercato di apportareinnovazioni al servizio sanitario: sono state migliorate leinfrastrutture, aumentati i sussidi per le famiglie, rimborsatele spese mediche e ospedaliere per le donne incinte al fine didiminuire il tasso di mortalita' infantile e prenatale e diaumentare le condizioni igienico-sanitarie delle zone piu'povere e remote della regione. .