A New York in onda video propaganda su Mar Cinese

Di Eugenio Buzzetti

 

Pechino, 28 lug. - Passano anche dal cuore di New York le rivendicazioni territoriali di Pechino nel Mare Cinese Meridionale. Un video propagandistico di poco più di tre minuti racconta la versione cinese sulle dispute di sovranità nel Mare Cinese Meridionale e critica la sentenza della Corte Permanente di Arbitrato dell'Aia, che il 12 luglio scorso ha negato ogni diritto storico a Pechino sul Mare Cinese Meridionale. Il video, realizzato dal China Review Studio, viene trasmesso dal 23 luglio scorso al 3 agosto prossimo per 120 volte al giorno sui megaschermi pubblicitari di Times Square comprati dall'agenzia Xinhua nel 2011. 


"La Cina è stata la prima a scoprire, nominare, esplorare e sfruttare il Nanhai Zhudao", ovvero il Mare Cinese Meridionale, si legge tra i sottotitoli del video propagandistico, in cui compaiono anche studiosi cinesi e di altre nazionalità che sostengono le tesi di Pechino nell'area. "In termini storici e legali - afferma Wu Shicun, presidente dell'Istituto Nazionale per gli Studi sul Mare Cinese Meridionale - la Cina è l'unico proprietario delle isole Spratly, e da un 'altra prospettiva la indiscutibile sovranità della Cina sulle isole del Mare Cinese Meridionale ha sufficienti basi storiche e legali".


Dopo la Seconda Guerra Mondiale, si legge tra i sottotitoli in inglese, "la Cina ha risanato le isole Xisha e Nansha che erano state invase e occupate illegalmente dal Giappone". Xisha e Nansha sono rispettivamente i nomi cinesi degli arcipelaghi delle Paracel e delle Spratly, di cui Pechino rivendica la sovranità nei confronti di Vietnam e Filippine. Le immagini proiettate nel cuore di Manhattan passano poi a criticare la sentenza dell'Aia del 12 luglio scorso, che ha negato a Pechino qualsiasi diritto storico su un'ampia porzione del Mare Cinese Meridionale. "La Cina non accetta la sentenza della Corte Permanente di Arbitrato", e "per risolvere le dispute la Cina sostiene l'approccio bilaterale" tra i Paesi direttamente coinvolti nelle dispute, escludendo in questo modo gli Stati Uniti, dove il video viene proiettato.

 

 

28 LUGLIO 2016

 

LEGGI ANCHE

 

SENTENZA AIA MANIPOLATA, CINA CONTRO USA GIAPPONE AUSTRALIA

 

ASEAN: VOLTARE PAGINA NEL MAR CINESE MERIDIONALE


CINA: ACCORDO CON ASEAN SU MODERAZIONE NEL MAR CINESE MERIDIONALE 

 

ASEAN: CINA INCASSA SOSTEGNO CAMBOGIA E MANCATA MENZIONE ALL'AIA

 

 

ALTRI ARTICOLI

 


PROFITTI INDUSTRIALI ACCELERANO A GIUGNO, +5,1%

 

SVOLTA NELLA SICUREZZA, DA OGGI SI' A REGISTRAZIONI AZIONI POLIZIA

 

SENTENZA AIA MANIPOLATA, CINA CONTRO USA GIAPPONE AUSTRALIA

 

A OTTOBRE SESTO PLENUM PCC, FOCUS SU GESTIONE E DISCIPLINA

 

ASEAN: VOLTARE PAGINA NEL MAR CINESE MERIDIONALE

 

MALTEMPO: 833 MORTI DA GIUGNO, BILANCIO PEGGIORE DAL 2011

 

CINA CONTRO COREA SUD, THAAD "DANNEGGIA FIDUCIA RECIPROCA"

 


CORRUZIONE, ERGASTOLO PER EX NUMERO DUE DELL'ESERCITO

 

@Riproduzione riservata