Agenda islamista Erdogan: lezioni di arabo ottomano nelle scuole

(AGI) - Istanbul, 8 dic. - Passo ulteriore nell'agendaislamista del premier Rece Tayyip Erdogan: il premier ha decisoche si terranno lezioni di lingua araba ottomana nelle scuolesuperiori. Era stato il padre della Turchia moderna, MustafaKemal Ataturk, ad abolire l'insegnamento della lingua ottomananel 1928, sostituendo quell'alfabeto con quello latino: Ataturkaveva anche purgato la lingua dei molti termini arabi, persianie greci per creare un turco "puro" piu' vicino a quelloeffettivamente parlato. Per Erdogan evidentemente e' un altrotentativo sulla strada di far piazza pulita delle riformesecolari di Ataturk, che aveva voluto definire una

(AGI) - Istanbul, 8 dic. - Passo ulteriore nell'agendaislamista del premier Rece Tayyip Erdogan: il premier ha decisoche si terranno lezioni di lingua araba ottomana nelle scuolesuperiori. Era stato il padre della Turchia moderna, MustafaKemal Ataturk, ad abolire l'insegnamento della lingua ottomananel 1928, sostituendo quell'alfabeto con quello latino: Ataturkaveva anche purgato la lingua dei molti termini arabi, persianie greci per creare un turco "puro" piu' vicino a quelloeffettivamente parlato. Per Erdogan evidentemente e' un altrotentativo sulla strada di far piazza pulita delle riformesecolari di Ataturk, che aveva voluto definire una rigidaseparazione tra religione e Stato. Il Consiglio dell'educazionenazionale turco, composto in gran parte da uomini sostenuti dalgoverno islamista di Erdogan, nel fine settimana ha votatoproprio per tenere lezioni di ottomano obbligatorie nellescuole superiori religiose e per dare la possibilita' di sceltaalle scuole superiori normali. Erdogan ha sostenuto che lelezioni sono necessarie per ripristinare il legame con "lenostre radici", anche perche' -ha insistito- la gran parte deicittadini al momento non e' in grado di leggere le lapidi delloro antenati. "Ci sono coloro che non vogliono che siainsegnato e questo e' un grande pericolo. Che piaccia o no, lalingua ottomana sara' imparata e insegnata in questo Paese", haaggiunto Erdogan nel corso di una riunione del Consiglioreligioso di Ankara. "Non e' una lingua straniera, e' una formadi turco che non invecchiera'". Anche il premier AhmetDavutoglu ha respinto le critiche: "Perche' siamo cosi'allergici alla storia? Perche' questo odio della cultura? Tuttocio' va oltre la nostra comprensione". (AGI).