Zootecnia: cheef e allevatori credono nella filiera lunigianese

(AGI) - Roma, 1 giu. - Un marchio per rianimare le micro-stalle lunigianesi e sa...

Zootecnia: cheef e allevatori credono nella filiera lunigianese
 carne macellaio macelleria

(AGI) - Roma, 1 giu. - Un marchio per rianimare le micro-stalle lunigianesi e salvarle dalla progressiva estinzione. Ed anche la ristorazione di qualita', per la prima volta, scommette sulla carne nata ed allevata tra le valli e le montagne della Lunigiana. Tempo di bilanci per il progetto dell'Associazione Regionale Allevatori che dal 2000, che sotto traccia e senza le luci dei riflettori, ha lavorato e sta lavorando per scongiurare la chiusura degli allevamenti e rilanciare l'apertura di nuove stalle. Sostenuto da Coldiretti Massa Carrara (info su www.massacarrara.coldiretti.it), il progetto ha portato alla nascita di un marchio "Carni della Lunigiana" che ha riattivato insieme all'interesse delle imprese agricole, l'interesse della catena commerciale, in particolare della grande distribuzione che ha capito il valore e la qualita' di carni garantite lungo tutta la filiera, dall'allevamento fino al banco di vendita. I numeri, un anno dopo, definiscono un percorso ancora molto lungo ma gia' positivo con 80 capi destinati esclusivamente alla filiera della carne ed altrettanti programmati per il 2016. Sono 13 le stalle che oggi hanno aderito lungo la strada. Erano solo 3 all'inizio del percorso. "I consumatori, e cosi' anche la distribuzione, chiedono un prodotto di qualita', garantito nella tracciabilita', ottenuto da un allevamento naturale e tradizionale. Meglio se local, 100% toscano. - spiega Vincenzo Tongiani, Presidente Coldiretti Massa Carrara - Gli allevamenti che sono stati coinvolti hanno mediamente dieci capi. Stiamo parlando di micro-stalle a gestione famigliare che attraverso il progetto del marchio hanno la certezza del conferimento e della contrapartita economico. Siamo all'inizio di un percorso che finalmente getta le basi per recuperare il terreno perso negli ultimi venti anni. La chiusura delle stalle, soprattutto nelle zone montane, e' importante perche' mantiene vivo il territorio. Con il marchio che abbiamo creato con l'associazione allevatori gettiamo le basi per una zootecnica che si adegua, preservando la qualita', alla domanda del mercato".
Il primo a crederci, tanto da visitare personalmente le stalle lunigianese, e' stato il giovane chef Daniele Berti, titolare della Steakburger Gourmet nel centro storico di Massa. Considerata la mecca degli hamburger e della carne, la creatura culinaria dell'artigiano del gusto Berti ha inserito nella sua carta delle carni anche i tagli a marchio "Lunigiana". Compresi gli hamburger. Uno sforzo non solo verso la qualita', soprattutto la territorialita' e la tracciabilita'. "Nel mio ristorante - spiega Daniele Berti - convivono le patate dei contadini di Montignoso e le carni australiane; la chianina e le mozzarelle di bufala di Paestum, dove gli animali vivono liberi e si fanno i bagni nelle piscine naturali, il pomodorino del piennolo del Vesuvio e il pane degli hamburger fatto con farine selezionate macinate a pietra. Non credo acriticamente ai dogmi del km 0, se non quando le verifiche fatte sul campo mi convincono, davvero, che si stia lavorando per il bene comune".(AGI)
Bru