Usa: Detroit raggiunge accordo con uno dei principali creditori

(AGI) - Detroit, 16 set. - La citta' di Detroit, che hadichiarato bancarotta, ha raggiunto ufficialmente un accordocon Syncora Garantee, uno dei suoi principali creditori.Detroit che punta alla ristrutturazione di 18 miliardi didollari di debiti, avrebbe raggiunto un accordo con Syncora,lasciando cosi' che la Financial Guaranty Insurence resti ilprincipale creditore, ventando crediti pari a 1,1 miliardi didollari. L'uscita dal fallimento dovra' essere decisa dalgiudice Steven Rhodes il quale ha recentemente rifiutato larichiesta dei creditori di vendere le opere d'arte del comune,valutate da Christie's tra i 450 e gli 870 milioni

(AGI) - Detroit, 16 set. - La citta' di Detroit, che hadichiarato bancarotta, ha raggiunto ufficialmente un accordocon Syncora Garantee, uno dei suoi principali creditori.Detroit che punta alla ristrutturazione di 18 miliardi didollari di debiti, avrebbe raggiunto un accordo con Syncora,lasciando cosi' che la Financial Guaranty Insurence resti ilprincipale creditore, ventando crediti pari a 1,1 miliardi didollari. L'uscita dal fallimento dovra' essere decisa dalgiudice Steven Rhodes il quale ha recentemente rifiutato larichiesta dei creditori di vendere le opere d'arte del comune,valutate da Christie's tra i 450 e gli 870 milioni di dollari.Il giudice ha accettato la richiesta dei creditori disospendere la procedura di uscita dal fallimento e, dopol'accordo con Syncora, un'eventuale intesa con FinancialGuaranty Insurence avrebbe l'effetto di accelerare i tempi delnegoziato sui rimborsi. L'accordo con Syncora riguarda tral'altro la spinosa questione dei derivati che la municipalita'ha sottoscritto per uscire dalla crisi e che ha finito peraggravarla. La procedura fallimentare, che tende a proteggere ipensionati pubblici di Detroit, scarica sulle banche e sugliobbligazionisti che si erano accollati il riscio degli elevatirendimenti degli swap il grosso delle perdite. Tuttavia anchele pensioni dei dipendenti di Detroit, nonostante lalegislazione Usa le consideri intoccabili, dovranno moltoprobabilmente essere tagliate a causa della bancarotta. (AGI)