Sale il potere d'acquisto delle famiglie, giu' deficit statale

(AGI) - Roma, 1 lug. - Il reddito disponibile delle famiglieconsumatrici in valori correnti nel primo trimestre del 2015 e'aumentato dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dello0,6% rispetto al corrispondente periodo del 2014. Lo rileval'Istat aggiungendo che tenuto conto dell'andamento dei prezzi,il potere di acquisto delle famiglie consumatrici e' aumentatodello 0,6% rispetto al trimestre precedente e dello 0,8%rispetto al primo trimestre del 2014.La spesa delle famiglieper consumi finali, in valori correnti, e' diminuita dello 0,2%rispetto al trimestre precedente ed e' aumentata dello 0,1%rispetto al corrispondente periodo del 2014. La

(AGI) - Roma, 1 lug. - Il reddito disponibile delle famiglieconsumatrici in valori correnti nel primo trimestre del 2015 e'aumentato dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dello0,6% rispetto al corrispondente periodo del 2014. Lo rileval'Istat aggiungendo che tenuto conto dell'andamento dei prezzi,il potere di acquisto delle famiglie consumatrici e' aumentatodello 0,6% rispetto al trimestre precedente e dello 0,8%rispetto al primo trimestre del 2014.La spesa delle famiglieper consumi finali, in valori correnti, e' diminuita dello 0,2%rispetto al trimestre precedente ed e' aumentata dello 0,1%rispetto al corrispondente periodo del 2014. La propensione al risparmio delle famiglie consumatrici, alnetto della stagionalita', e' stata pari al 9,2%, in aumento di0,4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 0,6punti percentuali rispetto al corrispondente trimestre del2014.Il tasso di investimento delle famiglie consumatrici e'stato pari al 6%, stabile rispetto al trimestre precedente e indiminuzione di 0,1 punti percentuali nei confronti del primotrimestre del 2014. "Tra gli obiettivi del governo c'e' quellodi ridurre il prelievo su famiglie e imprese in continuita' conl'azione gia' intrapresa con la legge di stabilita' per il 2015compatibilmente con gli obiettivi di finanza pubblica". E'quanto ha dichiarato il ministro dell'Economia, Pier CarloPadoan. .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it