Rai: il governo, "da gennaio canone nella bolletta elettrica"

(AGI) - Roma, 25 nov. - "Chi dovra' pagare il canone? Chipossiede un contratto di fornitura elettrica". Lo ha detto ilsottosegretario allo Sviluppo Economico Antonello Giacomelliospite di 24 Mattino di Alessandro Milan su Radio 24. "La normaprevede la tassa in base al possesso del televisore - haspiegato Giacomelli - ed e' una norma anacronistica. Se ilcanone rimanesse legato a quel concetto dovrei dire 'ilpossesso di un apparecchio televisivo, oppure di un pc, oppuredi un tablet, oppure di uno smartphone, oppure di ogni altrodevice atto a ricevere il segnale'. Vuol dire fare

(AGI) - Roma, 25 nov. - "Chi dovra' pagare il canone? Chipossiede un contratto di fornitura elettrica". Lo ha detto ilsottosegretario allo Sviluppo Economico Antonello Giacomelliospite di 24 Mattino di Alessandro Milan su Radio 24. "La normaprevede la tassa in base al possesso del televisore - haspiegato Giacomelli - ed e' una norma anacronistica. Se ilcanone rimanesse legato a quel concetto dovrei dire 'ilpossesso di un apparecchio televisivo, oppure di un pc, oppuredi un tablet, oppure di uno smartphone, oppure di ogni altrodevice atto a ricevere il segnale'. Vuol dire fare una normacon prescrizioni molto ampie e molto dure ma sostanzialmenteinapplicabile, in altre parole prendere in giro e continuare aconsentire l'evasione". Quindi, aggiunge Giacomelli, "noiidentifichiamo l'elemento unificante, che e' l'alimentazionedei diversi device e quindi, il contratto di fornituraelettrica". Giacomelli ha pero' escluso il pagamento per leseconde case: "tendenzialmente l'idea e' quella di evitare chechi ha la seconda casa paghi di piu'. Anzi, diciamo che inlinea di massima sulla seconda casa e' escluso. Qui si trattadi capire - ha precisato Giacomelli - come introdurre qualchepunto di equita'. C'e' chi dice che potremmo incrociare i datidel reddito, e legare il canone all'Irpef, io sono un po'perplesso su questa possibilita'. Legato all'Irpef mi paremolto piu' complesso e farraginoso". Infine Giacomelli haspiegato che sulle aziende di energia elettrica non gravera'alcun costo aggiuntivo: "Noi abbiamo idea di mantenere indennile aziende di energia elettrica quindi i costi delle modifichedel software, certamente, non saranno a carico loro.Dialogheremo, non e' contro nessuno questa riforma". (AGI) .