Poletti: 2 miliardi per gli esodati Con la manovra problema risolto

(AGI) - Roma, 16 ott. - L'innalzamento della soglia diesenzione fiscale per i pensionati dipende dalla flessibilitadell'Unione europea, mentre si chiude il discorso

(AGI) - Roma, 16 ott. - L'innalzamento della soglia diesenzione fiscale per i pensionati dipende dalla flessibilitadell'Unione europea, mentre si chiude il discorso dellasalvaguardia degli esodati. "La legge di stabilita' stanzia duemiliardi per la salvaguardia di 31.600 esodati - ha detto ilministro del Lavoro, Giuliano Poletti, illustrando la manovra - A livello parlamentare e' stata elaborata la settimasalvaguardia" ha spiegato il ministro, "siamo partiti da quellaipotesi e utilizzando le risorse risparmiate dalle precedentisalvaguardie e aggiungendone altre abbiamo prodotto una nuovaipotesi per 26.600 persone piu' 5000 persone comprese nellesalvaguardie precedenti che pero' non avevano coperture". Siarriva cosi' a 170 mila persone salvaguardate, ha aggiuntoPoletti, sottolineando che il governo "considera concluso ilpercorso".L'aumento della no tax area per i pensionati previsto dallalegge di stabilita' varata ieri dal governo partira' solo dal2017, a meno che la Commissione europea non accordi all'Italial'utilizzo di maggiori patti di flessibilita' per l'emergenzamigranti. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti,illustrando la manovra. La no tax area per i pensionati over 75salira' dagli attuali 7.750 euro a 8.000 euro, raggiungendocosi' quella in vigore per i lavoratori dipendenti. Per ipensionati con meno di 75 anni di eta' si passera' invecedagli attuali 7.500 euro a 7.750.Il ministro ha spiegato inoltre che per l'estensionedell'opzione donna, prevista dalla legge di Stabilita' varataieri dal governo, e' stata inserita nella manovra una clausoladi salvaguardia. La clausola, ha spiegato Poletti, prevede che "se nonmatureremo nel 2016 le coperture sufficienti, si puo' allungarela perequazione, cosi' detta Letta, delle pensioni dal 2017 al2018". La stima della platea delle lavoratrici eventualmenteinteressate dalla misura e' di oltre 36mila persone e il costocomplessivo dell'estensione dell'opzione supera i 2miliardi dieuro. I requisiti necessari ad usufruire di questa possibilita'sono 35 anni di versamenti e 57 anni di eta'Il ministro ha spiegato inoltre che per il contrasto dellapoverta' e l'inclusione sociale "il governo nel 2016 avra' adisposizione 1,5 miliardi di euro". Seicento milioni sono statistanziati dalla legge di stabilita' e' gia' stato stanziatoprecedentemente per finanziare strumenti gia' in vigore. E haaggiunto "con queste risorse noi dovremmo raggiungere 250 milafamiglie, 550 mila bambini per un totale di circa un milione dipersone". Il fondo poverta' (600 milioni nel 2016 e un miliardostrutturale a partire dal 2017) "si aggancia ad un pianonazionale per la lotta alla poverta' e all'inclusione sociale"che sara' contenuto in una legge delega per il riordino ditutta la materia da varare entro al fine di maggio. .