Pensioni: oltre meta' delle donne con assegni sotto 1. 000 euro

(AGI) - Roma, 8 ott. - Oltre la meta' delle donne (52,8%)"percepisce redditi pensionistici mensili inferiori ai milleeuro, rispetto ad appena un terzo degli uomini; il 15,3%percepisce invece redditi inferiori ai 500 euro". I dati,relativi al 2014, sono stati forniti dal direttore deldipartimento per le statistiche sociali dell'Istat, LindaSabbadini, nel corso di un'audizione alla commissione Lavorodella Camera sull'impatto in termini di genere della normativaprevidenziale. Gli uomini "percepiscono importi maggiori delledonne in tutte le classi di eta', con differenze piu' elevatetra i 65 e i 69 anni". Inoltre, tra le donne,

(AGI) - Roma, 8 ott. - Oltre la meta' delle donne (52,8%)"percepisce redditi pensionistici mensili inferiori ai milleeuro, rispetto ad appena un terzo degli uomini; il 15,3%percepisce invece redditi inferiori ai 500 euro". I dati,relativi al 2014, sono stati forniti dal direttore deldipartimento per le statistiche sociali dell'Istat, LindaSabbadini, nel corso di un'audizione alla commissione Lavorodella Camera sull'impatto in termini di genere della normativaprevidenziale. Gli uomini "percepiscono importi maggiori delledonne in tutte le classi di eta', con differenze piu' elevatetra i 65 e i 69 anni". Inoltre, tra le donne, "17 anziane su100 non ricevono alcuna forma di pensione (tra gli uomini solo4 su 100). Escludendo i percettori di pensioni ai superstiti,per le donne il tasso di copertura scende al 53,5% con un gapdi genere che sale a 38 punti percentuali". Le donne, ricordal'Istat, rappresentano la maggioranza dei pensionati (52,9%pari a 8,5 milioni) ma, considerando il complesso deitrattamenti pensionistici, percepiscono in media un importomensile notevolmente inferiore a quello degli uomini: 1.095contro 1.549 euro (si tratta di dati provvisori al 2014).Nonostante la prevalenza in termini di numero di beneficiari,il piu' contenuto importo medio della pensione percepitadetermina una quota di spesa pensionistica complessivamentedestinata alle donne pari al 44,2% dei 275.079 milioni di eurototalmente erogati ai 16,2 milioni di pensionati. La differenzadi reddito pensionistico (ottenuto cumulando piu' trattamentierogati allo stesso beneficiario) tra uomini e donne e' pari al41,4% (19.686 contro 13.921) e sale al 62,2% (14.911 eurocontro 9.195) se si considera l'importo della singolaprestazione pensionistica (il cumulo di trattamentipensionistici tra le donne compensa - seppur solo parzialmente- il piu' basso importo dei singoli trattamenti). (AGI) .