I prezzi del grano e del mais tornano ai livelli pre-guerra

I prezzi del grano e del mais tornano ai livelli pre-guerra

La flessione è iniziata in coincidenza con i primi colloqui a Teheran tra Putin ed Erdogan sull'ipotesi di una ripresa dell'export dei cereali dall'Ucraina

prezzi grano mais livelli prima guerra

© Agf - grano raccolto in Ucraina

AGI - Il costo dei principali cereali torna ai livelli pre-invasione Ucraina. Dopo le impennate del costo del grano che l'hanno visto nelle scorse settimane sfiorare quota 1.300 dollari a bushel, sembra tornare il sereno sul mercato delle materie prime alimentari: il cereale è scambiato oggi a 780,52 dollari, una quotazione che non si vedeva da meta' febbraio, quando ancora non era iniziato l'attacco dell'Ucraina da parte della Russia. Nell'ultimo mese il prezzo è sceso dell'8,8%.

Trend ancora più marcato per il mais, oggi a 607,89 dollari a bushel, una quotazione che non si vedeva da metà gennaio. Il prezzo del mais ha però risentito di maggiore nervosismo e, se anche il trend è marcatamente ribassista da quasi un mese e mezzo, questo ha registrato una nuova fiammata a metà luglio sulla scorta dalle incertezze geopolitiche. In questo caso il prezzo registra una flessione mensile del 4,57%.

A calmierare i prezzi è stato l'allontanarsi dei rischi di una carestia mondiale con la ripresa delle forniture seguite all'accordo firmato tra Ucraina e Russia. La flessione dei prezzi è iniziata infatti in coincidenza con i primi colloqui a Teheran tra Putin ed Erdogan sull'ipotesi di una ripresa dell'export dei cereali dall'Ucraina. Un'accelerazione al ribasso è poi arrivata anche dalla stagionalita' dei raccolti che hanno visto disponibilita' in aumento soprattutto in Argentina e Brasile.