British Airways pensa di vendere la sede vicino a Heathrow 

British Airways pensa di vendere la sede vicino a Heathrow 

Pesa l'effetto smart working che sta trasformando l'organizzazione del lavoro. Nella compagnia tagliati 10.000 posti

British Airways pensa vendere sede vicino Heathrow 

©  (Afp) -  British Airway

AGI - British Airways sta considerando di vendere la sua sede di Londra vicino all'aeroporto di Heathrow approfittando del fatto che i suoi dipendenti sono in smart working a causa della pandemia e con effetti notevoli per la sua liquidità di cassa.      

La pandemia ha "accelerato la nostra attenzione su un modo di lavorare più flessibile e agile, abbiamo anche ristrutturato le nostre operazioni per uscire dalla crisi e stiamo valutando se abbiamo ancora bisogno di una sede così grande", ha detto la filiale del gruppo spagnolo-britannico Iag.    

Sono circa 2.000 i dipendenti che hanno come base l'enorme complesso della British Airways a Waterside. British Airways non è la prima: molte aziende, comprese le grandi banche britanniche e il gigante petrolifero Bp, stanno trasformando la loro organizzazione per utilizzare il telelavoro dall'inizio della pandemia. 

Questo ha tagliato i costi di proprietà in un momento in cui molti settori, in particolare l'industria delle compagnie aeree e dell'energia, sono stati colpiti duramente dall'impatto economico del coronavirus.

L'industria aerea, in particolare, sta attraversando una crisi storica, con un traffico spazzato via dalle misure sanitarie, confinamenti e restrizioni di viaggio. Iag, che possiede anche Iberia e Vueling tra gli altri, ha subito una perdita record di 6,9 miliardi di euro (8,2 miliardi di dollari) nel 2020.

Il gruppo ha lottato per tagliare i costi per sopravvivere alla crisi e ha tagliato 10.000 posti di lavoro alla British Airways.

La liquidità di Iag alla fine di dicembre era di 10,3 miliardi di euro, compreso un aumento di capitale di 2,7 miliardi di euro e 2 miliardi di euro di impegni di prestito da un'agenzia del governo britannico, UK Export Finance.

Nella sua ricerca di liquidità, Iag ha anche annunciato giovedì il lancio di un'emissione obbligazionaria da 1 miliardo di euro.